Se possibile, negli ultimi giorni quello della violenza sulle donne è divenuto un tema ancora più urgente e grave: l’omicidio di Giulia Cecchettin ha scosso le coscienze, ma da quando è avvenuto si è registrato in Italia un altro femminicidio a Fano e l’aggressione con acido gettato addosso a una ragazza di 16 anni. Per questo a Castelnovo vengono proposte due importanti iniziative nei prossimi giorni.

Sabato, 25 novembre, dalle ore 12.30 alle 14.30 ci si troverà in piazza Gramsci, per una manifestazione dal titolo “Basta!”, contro la violenza di genere, aperta a tutti donne e uomini che avvertano la necessità di esporsi contro una situazione che non può continuare. Venerdì 1 dicembre invece l’associazione Per Te – Donne insieme contro la violenza proporrà uno spettacolo importante e significativo, che verrà poi replicato anche la mattina di sabato 2 dicembre per le scuole. L’iniziativa vede il patrocinio del Comune di Castelnovo – Assessorato alla parità di genere e del Teatro Bismantova. Sarà proposto il reading – concerto “Leggere Lolita a Teheran”, a cura di Cinzia Spanò tratto dal romanzo di Azar Nafisi, che ha ottenuto il patrocinio di Amnesty International, e ha debuttato in prima nazionale a fine 2022, in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.
Il progetto è la prosecuzione ideale degli incontri organizzati da Azar Nafisi per creare una connessione ideale con le donne che in questo momento nel mondo stanno lottando per la loro autodeterminazione e la loro libertà, e contro ogni forma di oppressione e di violenza.

“Nell’autunno del 1995, dopo aver dato le dimissioni dal mio ultimo incarico accademico, decisi di farmi un regalo e realizzare un sogno. Chiesi alle sette migliori studentesse che avevo di venire a casa mia il giovedì mattina per parlare di letteratura”. Inizia così il romanzo “Leggere Lolita a Teheran” di Azar Nafisi, best seller tradotto in 32 lingue e rimasto nella lista dei best seller del New York Times per ben117 settimane. La vicenda narra la storia vera dell’autrice, costretta alasciare l’Università dove insegnava a causa delle continue pressioni della Repubblica islamica esercitate sia sui contenuti delle lezioni che sulla vita privata delle persone, in particolare delle donne. A distanza di più di 40 anni da quella rivoluzione che cambiò il volto del Paese, il popolo iraniano lotta ancora per la libertà.

Il reading – concerto propone brani tratti dal romanzo letti dall’attrice Cinzia Spanò, intrecciati alle composizioni originali delle musiciste in scena: a Castelnovo sarà la violinista Marta Pistocchi. Cinzia Spanò, che ha curato lo spettacolo, vive a Milano: è attrice, autrice e attivista. È cofondatrice dell’associazione Amleta, Premio Amnesty International Arte e diritti umani 2021.
Affermano l’Assessore alle Pari opportunità Lucia Manfredi, e la Consigliera comunale e della Provincia di Reggio, Erica Spadaccini: “Ringraziamo l’associazione Per Te per aver offerto questo spettacolo alla nostra comunità e per il lavoro che le volontarie svolgono da anni e durante tutto il corso dell’anno. La cronaca ci ricorda sempre più spesso quanto sia necessario uno stravolgimento culturale che porti a una vera parità di genere, al vero rispetto della donne e alla fine di ogni prevaricazione ed è proprio questo l’obiettivo che ci prefiggiamo nell’ospitare questo genere di spettacolo. Nelle ultime ore abbiamo anche deciso di proporre un’altra manifestazione in piazza contro la violenza sulle donne, stimolate da un gruppo di ragazze locali che volevano fare sapere che anche in montagna non ci stiamo più, non possiamo più sopportare una situazione che, al di là di essere sotto i riflettori per i casi più eclatanti, coinvolge moltissime donne anche con episodi di soprusi e maltrattamenti meno evidenti ma altrettanto preoccupanti, purtroppo anche nel nostro territorio”.
Lo spettacolo serale, aperto a tutti, sarà venerdì 1 dicembre alle 21 al Teatro Bismantova. L’incasso andrà a sostenere le attività dell’Associazione Per Te – Donne insieme contro la violenza. Per informazioni e prenotazioni: 339 5991767.









Articolo precedenteLe iniziative per l’80° anniversario dell’arresto dei Sette Fratelli Cervi
Articolo successivoSelezione pubblica della Provincia di Reggio Emilia riservata a lavoratori disabili