Il Comune di Fabbrico, sulla scorta di quanto previsto dal Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti, assieme agli altri Comuni della provincia promuove la raccolta differenziata con l’obiettivo di ridurre ulteriormente il rifiuto da smaltire. É adesso la volta degli olii alimentari esausti: ai contenitori stradali già presenti sul territorio si aggiungeranno speciali recipienti per la raccolta degli esausti, con lo scopo di migliorare la raccolta differenziata sul territorio.

Forse non tutti sanno che l’olio esausto usato per friggere viene molte volte smaltito nella maniera meno appropriata, spesso direttamente nello scarico del lavandino, causando seri problemi agli impianti di depurazione. L’olio, infatti, avendo un peso specifico minore dell’acqua, galleggia su questa e crea un sottile strato che soffoca l’acqua, inibendo il processo depurativo: quindi deve essere necessariamente rimosso con lunghi processi di disoleazione. Per risolvere questo problema, il Comune di Fabbrico, di concerto con Iren Ambiente, ha progettato un sistema di raccolta degli oli esausti alimentari esclusivamente di uso domestico (non quelli che, ad esempio, si usano per le automobili).

 

A Fabbrico verranno, a breve, collocati contenitori nelle seguenti strade:

Via Don Sturzo – fronte scuola
Via Motta – parcheggio coop
Via XXVII Febbraio – parcheggio
Si tratta di recipienti gialli, ben visibili, di grande capacità, accessibili comodamente, nei quali si può conferire l’olio esausto da frittura ed in genere gli oli esausti derivanti dall’uso alimentare, utilizzando contenitori usa e getta (come ad esempio bottiglie di plastica usate) riponendo l’intera bottiglia chiusa all’interno del contenitore stradale.

ATTENZIONE: NON BISOGNA VERSARE L’OLIO DENTRO AL CONTENITORE STRADALE, MA RACCOGLIERLO DENTRO BOTTIGLIE A PERDERE BEN CHIUSE PER POI INSERIRLE NEL MEDESIMO CONTENITORE.

Per ulteriori informazioni o chiarimenti resta a disposizione il NUMERO VERDE 800 212607 di Iren Ambiente (attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 17, il sabato dalle 8 alle 13) oppure si può inviare una e-mail all’indirizzo di posta elettronica ambiente.emilia@gruppoiren.it ed infine è possibile consultare l’app Iren Ambiente

 









Articolo precedenteÈ arrivato l’albero di Natale in piazza Nettuno, sabato 2 dicembre l’accensione delle luci
Articolo successivoGiovedì 30 novembre attivazione della Guardia Medica Straordinaria per Castelnovo Sotto