Diversi i cantieri in corso ed i progetti futuri che riguardano e riguarderanno San Vito. Innanzitutto proseguono i lavori per la realizzazione del Centro Polifunzionale per le famiglie di San Vito. L’area oggetto dell’intervento è quella di via P. Ferrari, in prossimità della riva nord del torrente Guerro, in una zona dove sono già presenti attrezzature sportive; con questo progetto si andrà ad arricchire l’area sportiva di San Vito con nuove strutture polifunzionali, volte ad incentivare l’aggregazione sociale, ponendo particolare attenzione al tema della famiglia, dell’inclusione di tutte le fasce d’età e delle persone con difficoltà motorie o diversamente abili. Ricordiamo che il progetto è co-finanziato con fondi della Comunità Europea, Next Generation EU – PNRR M4 C1 I1.2 relativi ad opere pubbliche di messa in sicurezza, ristrutturazione, riqualificazione o costruzione di edifici di proprietà dei comuni destinati ad asili nido, scuole dell’infanzia e a centri polifunzionali per i servizi alla famiglia. Nel 2024 previsto anche un investimento di 400.000 euro per la sistemazione dell’area esterna all’edificio.  

In corso di ultimazione i lavori per la realizzazione della ciclabile che dalla scuola Rodari proseguirà fino a via Belvedere e via Viazza fino all’intersezione con la SP 16 (Inalca) per connettersi con la pista ciclabile “Modena – Vignola”. (fondi dai cavatori come opera di compensazione). A seguire partiranno anche i lavori per l’ampliamento di via Belvedere.

Nel 2023 è stato realizzato il terzo e ultimo stralcio per il miglioramento sismico alle Trenti – Rodari di San Vito. La finalità è rendere gli edifici sempre più sicuri ed efficienti. Gli interventi sui tre stralci (2021, 2022 e 2023) sono costati complessivamente 415.000 euro.

Ricordiamo che nel 2024 è prevista un’opera importante per la mobilità sostenibile: la ciclabile in via San Vito. Costo dell’opera: 300.000 euro.

 









Articolo precedenteRitorna a Castelvetro “Viva Natale”
Articolo successivoOstetricia e Ginecologia dell’Ospedale di Carpi: il ringraziamento dell’AUSL a Giulia Pellizzari