ROMA (ITALPRESS) – “Con la proposta sul salario minimo presentata
dalle opposizioni per paradosso rischiavi di abbassare alcuni
salari un pò più alti per adeguarsi ai nove euro, come
maggioranza abbiamo presentato un emendamento per risolvere il
problema delle sacche di quei lavoratori che hanno stipendi più
bassi dei nove euro l’ora, e penso per esempio ai lavoratori
domestici, questo senza rischiare di abbassare gli altri”. Lo ha
detto il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ospite di Rtl
102.5. “Sulle proteste delle opposizioni un pò sorrido perchè in
10 anni che sono stati al governo hanno mai fatto una legge sul
salario minimo – ha aggiunto -. Anche i sindacati quando vanno a
firmare i contratti collettivi firmano quelli di poco più di 5
euro…”.
Secondo la premier “il centrodestra sta molto bene, al di là di
tutte le ricostruzioni che leggiamo ogni giorno, c’è un metro solo per valutare la coesione di un governo: la velocità con i quali i governi riescono ad operare, io penso che si vede che questo governo lavora velocemente, ho visto governi impantanati per mesi, questo a noi non accade, ed è la dimostrazione di una coesione di fondo”. “Oggi noi abbiamo una grande occasione nel
parlamento europeo – ha aggiunto -. Potremmo trovarci con un
Italia che conta molto di più, è l’obiettivo di tutta la
maggioranza. Noi siamo di fronte ad una grande stagione, sarà una
campagna elettorale molto tosta”.
Meloni ha parlato del 2023 come “un anno tosto”. “Si è parlato troppo delle mie questioni personali? Diciamo che si è parlato delle volte senza pietà, però elmetto in testa e si combatte”.

– foto: Agenzia Fotogramma –
(ITALPRESS).









Articolo precedenteSabato 9 dicembre uffici comunali chiusi a San Felice sul Panaro
Articolo successivo“Cioccolamberto”: venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 dicembre torna la festa del cioccolato a Spilamberto