Dal 27 novembre al 3 dicembre scorsi il Corpo Unico di Polizia Locale Bassa Reggiana ha svolto una campagna mirata di controlli sull’uso delle cinture di sicurezza sul territorio dell’Unione Bassa Reggiana.

I servizi si sono sviluppati su tutti i turni previsti, compresi quelli serali di venerdì, sabato e domenica.

Complessivamente sono stati controllati 391 veicoli e 590 persone. 37 i verbali per il mancato utilizzo delle cinture sicurezza e altri 40 verbali per violazioni di diversa natura.

“Il numero di violazioni accertate per le cinture di sicurezza, pari a circa il 6% delle persone controllate – afferma il comandante Francesco Crudo – sembra confermare il dubbio di comportamenti irregolari che ci ha spinti a svolgere controlli serrati nella scorsa settimana, ovvero una diminuita attenzione ai sistemi di difesa passiva presenti sui veicoli, che risultano invece fondamentali in caso di incidenti stradali. Chiaramente i controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni e si analizzeranno i dati raccolti in queste giornate anche per provare a capire quali possano essere le ulteriori azioni da mettere in campo per affrontare il problema”.

Intanto, nelle scorse settimane, esattamente il 20 novembre a Guastalla e il 29 novembre a Novellara, la Polizia locale dell’Unione Bassa Reggiana ha organizzato due incontri sul tema della sicurezza stradale con i referenti dei gruppi di controllo del vicinato, alla presenza dei due sindaci Camilla Verona ed Elena Carletti.

Durante gli incontri sono stati illustrati ai presenti i dati sull’incidentalità stradale rilevati dalla Polizia locale nel corso di quest’anno e si è discusso delle principali cause degli incidenti, oltre che dei comportamenti più a rischio durante la guida, tra cui, appunto, il mancato utilizzo della cintura di sicurezza: pur non essendo una causa diretta di incidente, finisce per aggravarne le conseguenze in termini di lesioni personali.









Articolo precedenteTrentatré anni fa la strage all’Istituto Salvemini a Casalecchio di Reno
Articolo successivoFinanza Reggio Emilia, operazione “Cyrano”: 26 indagati per frode fiscale da oltre 10 milioni con utilizzo di fatture false