Home Bologna Bologna: con l’aiuto del figlio minore rubava prodotti dermo-cosmetici in farmacia

Bologna: con l’aiuto del figlio minore rubava prodotti dermo-cosmetici in farmacia

Nei giorni scorsi la Polizia di Stato di Bologna ha denunciato un cittadino georgiano 45enne, regolarmente soggiornante sul territorio nazionale e con precedenti per contrabbando, furto, rapina e ricettazione, contestandogli il reato di furto aggravato in quanto ha indotto una persona non imputabile a partecipare alla commissione del reato. Le indagini del Commissariato Santa Viola, sono scattate a seguito di denuncia di furto con la quale la titolare della farmacia S. Andrea di via Tommaseo ha segnalato il furto di numerosi prodotti da banco per un valore complessivo di euro 723,00.

Grazie alle immagini dell’impianto di videosorveglianza interno alla farmacia, i poliziotti sono riusciti a ricostruire il modus operandi degli autori del furto, facendo immediatamente emergere come questi si siano avvalsi anche di un bambino per dissimulare la loro condotta.
È stata infatti rilevata la presenza di un uomo che approfittando delle numerose persone presenti all’interno del locale, con l’aiuto di un complice che fungeva da “copertura fisica” e di un bambino che quasi fosse addestrato ha indicato ed in alcuni casi prelevato dagli espositori prodotti dermo cosmetici di particolare valore, ha occultato in diversi momenti svariati prodotti in una borsa. Dalle immagini si è rilevato che il bambino è stato più volte inviato a prelevare dei numeri “eliminacode” affinché si posticipasse il turno del padre ed avere pertanto maggiore tempo per sottrarre i prodotti dissimulandosi tra i clienti in coda.
Il modus operandi dei predetti ha destato immediato allarme per il coinvolgimento inconsapevole ma attivo di un minore nel reato.
Nel corso dei controlli presso il domicilio del georgiano è stato costatato che il bambino ripreso durante il furto era il figlio, inoltre sono stati rinvenuti non solo gli abiti indossati dal padre e dal bambino in occasione del furto, ma anche refurtiva non coincidente con quella del furto denunciato e che pertanto potrebbe essere provento di ulteriori furti.
Nel corso dell’attività investigativa è stato individuato anche il secondo soggetto, anch’egli di nazionalità georgiana, che ha partecipato al furto e risultato essere irregolarmente soggiornante sul territorio nazionale e unico autore di ulteriori due furti a danno della predetta farmacia.
Non si esclude che con il medesimo modus operandi possano essere stati commessi ulteriori furti non denunciati in esercizi commerciali, pertanto gli esercenti che dovessero disporre di immagini di tali azioni delittuose potranno recarsi presso il Commissariato Santa Viola per la denuncia e la verifica delle eventuali responsabilità in carico ai medesimi soggetti già identificati.