Home Politica No del consiglio provinciale al taglio dello stato sociale

No del consiglio provinciale al taglio dello stato sociale

No al taglio dei fondi sullo stato sociale preannunciato dal ministro del Welfare Roberto Maroni. La presa di posizione è contenuta in un documento approvato dal Consiglio provinciale modenese, alla vigilia della conferenza Stato-Regioni che dovrà discutere proprio del futuro del Fondo sociale nazionale.


Hanno votato a favore la maggioranza (Ds, Margherita), contro FI e An, mentre Lega nord e Udc sono usciti dall’aula per protesta.

“Le proposte del ministro sono inaccettabili – si legge nel documento presentato dai consiglieri Maino Benatti (Ds) e Mauro Cavazzuti (Margherita) – perché prevedono un taglio del 54 per cento rispetto allo stanziamento del 2002 che porterebbe le risorse alla Regione Emilia Romagna da 53 milioni di euro a 25 milioni, penalizzando le fasce più deboli della popolazione”.

Il Consiglio chiede invece di mantenere l’ammontare del Fondo da trasferire alle Regioni nella misura prevista per il 2002 e cioè di 771 milioni di euro.