Home Economia Subito incontro con Bologna sulla ‘Fiera’

Subito incontro con Bologna sulla ‘Fiera’

“Non riconfermando nel proprio consiglio d’amministrazione un rappresentante del sistema economico modenese, Bologna Fiere ha fatto un passo indietro rispetto alla strategia di valorizzazione di un sistema fieristico a rete di cui Modena è un anello importante”. Il Sindaco di Modena Giorgio Pighi, il presidente della Provincia Emilio Sabattini e il presidente della Camera di Commercio Alberto Mantovani si dicono “molto stupiti e sorpresi dalla decisione di non riconfermare un rappresentante del nostro territorio” nell’organismo di vertice di Bologna Fiere che, come noto, detiene il pacchetto di maggioranza di Modena Esposizioni.

Il sistema economico modenese, inoltre, ha fornito un contributo sostanziale al processo di privatizzazione della Fiera di Bologna. “La scelta di Modena di restare all’interno del percorso espositivo di Bologna Fiere era motivata dalla necessità di far crescere un sistema fieristico più competitivo – spiegano i rappresentanti delle istituzioni modenesi – perchè in grado di misurarsi a livello nazionale ed internazionale anche e soprattutto in quanto espressione di territori fortemente integrati. Questa è stata, fino ad oggi, la posizione discussa e concordata in diverse occasioni tra istituzioni ed enti interessati. Per questo – aggiungono Pighi, Sabattini e Mantovani – chiediamo un incontro urgente al presidente di Bologna Fiere per capire le strategie future a fronte delle recenti scelte compiute. Vogliamo capire se si ritiene esaurita l’alleanza con il sistema Modena. In questo caso, lo si dica chiaramente, così che si possa valutare l’opportunità di costruire nuove alleanze con altri sistemi fieristici”.

Il Sindaco Pighi, infine, ricorda che il Comune di Modena è proprietario della struttura fieristica di Cittanova che Bologna Fiere utilizza gratuitamente: “una condizione giustificata da obiettivi di sviluppo dell’economia modenese, ma anche dalla condivisione di un progetto comune. In questo senso -conclude il Sindaco- la rappresentanza modenese era e rimane elemento di garanzia per tutti, un equilibrio che deve essere al più presto ristabilito.