Home Modena Litotritore più efficace e sicuro al policlinico di Modena

Litotritore più efficace e sicuro al policlinico di Modena

Il Litotritore in dotazione all’Urologia del Policlinico, diretta dal profesor Giampaolo Bianchi, è stato recentemente aggiornato con un nuovo generatore elettromagnetico e un software che ne hanno aumentato l’efficacia a parità di sicurezza.

La litotrissia extracorporea ad onde d’urto (ESWL), è una tecnica miniinvasiva che disintegra i calcoli in piccoli frammenti che possono poi essere espulsi spontaneamente.
Per capire quali siano le potenzialità di questo aggiornamento del litotritore, è necessario spiegare brevemente il suo funzionamento. Si basa su un generatore di natura elettromagnetica che produce un campo di onde d’urto; tramite diversi sistemi di puntamento, il campo viene concentrato sull’area del calcolo.
La potenza di un litotritore si misura in base alla sua capacità di disintegrazione (D.C, disin-tegration capacity), ossia il volume di calcolo disintegrato per onda d’urto. Il nuovo generatore istallato sul litotritore del Policlinico, a parità di energia applicata sul calcolo, aumenta il valore di Dc di oltre il 40%. Agendo sull’efficacia del trattamento, ottimizza la performance della macchina, fornendole una capacità di disintegrazione direttamente proporzionale all’intensità applicata.

Ormai la tecnologia ci ha abituato ad evoluzioni esponenziali che rendono realtà ciò che, fino a pochi anni fa, sembrava solo fantascienza.
Come la lotta alla calcolosi urinaria dove lo “Stone Center” del Policlinico – attivato in seno all’Urologia e gestito dai dottor Salvatore Micali, Cosimo De Carne, Marco Grande, Maria Chiara Sighinolfi e Stefano De Stefani – è da tempo tra più avanzati a livello italiano, con oltre 1000 casi trattati di calcolosi negli ultimi tre anni tre anni.

Avremo modo di parlarne più diffusamente, ma intanto anticipiamo che per l’inizio dell’autunno è previsto il trasferimento del reparto di Urologia in un’area dell’ospedale ristrutturata secondo i più avanzati criteri di sicurezza e comfort per operatori e pazienti. Saranno potenziate le sedute operatorie settimanali e quelle degli ambulatori specialistici.