Home Attualita' Modena: microaree nomadi, giudizio positivo Circoscrizione 3

Modena: microaree nomadi, giudizio positivo Circoscrizione 3

Il Consiglio della Circoscrizione 3 “Buon Pastore – Sant’Agnese – San Damaso” ha approvato con il voto favorevole della maggioranza, dei consiglieri Cornia e Andreotti (Forza Italia), l’astensione del consigliere Penelli (Forza Italia) e voto contrario di Udc e An una mozione con cui si giudica “in maniera positiva il progetto dell’Amministrazione Comunale di smantellare l’esistente campo nomadi di strada Baccelliera attraverso la creazione, contestuale, di alcune microaree all’interno di tutto il territorio cittadino”.


Nel documento si sottolinea “la complessità e la criticità di tale passaggio, indispensabile non solo per una compiuta integrazione delle diverse realtà socio-culturali presenti nel nostro territorio, ma anche per un governo più fattivo e razionale di un fenomeno di fatto già presente nella nostra Città”.
Con la mozione si ritiene “indispensabile che tutti i soggetti coinvolti prestino la massima attenzione a portare a regime l’esperienza già maturata nella creazione e gestione di microaree per la residenza di popolazioni nomadi, come accaduto anche nella nostra Circoscrizione con le aree presenti a Saliceta San Giuliano e nei pressi del Parco della Repubblica (via Monza)”, Inoltre, il documento ribadisce l’esigenza che tutti i soggetti coinvolti prestino attenzione “a che le nuove microaree individuate diventino, allo stesso momento, i luoghi “del diritto” dei nomadi alla residenza, ma anche e soprattutto “dei doveri e delle regole” che ne dovranno definire il loro utilizzo. Il pagamento delle utenze, la manutenzione ordinaria e la cura dell’area, la presenza di ospiti temporanei, la salvaguardia dei minori (specialmente in termini di scolarizzazione), il mantenimento di un clima sociale positivo con gli altri cittadini residenti in zona, dovranno essere continuamente monitorati da parte dell’Amministrazione Comunale. La non osservanza di queste, come di ogni altra misura contenuta nel regolamento di concessione dell’area, dovrà portare a precisi provvedimenti sanzionatori, fino alla revoca della stessa concessione”.

Infine, la mozione impegna la Circoscrizione, invitando contestualmente l’amministrazione comunale, “a garantire già nel percorso di insediamento delle famiglie nomadi nelle nuove microaree un coinvolgimento diretto dei residenti, chiamati ad una forte responsabilizzazione che dovrà trovare nella fermezza e serietà dell’Amministrazione Comunale nel far rispettare regole certe e nell’impegno dei nuovi residenti al rispetto di queste, gli elementi imprescindibili per la costituzione di un nuovo patto di cittadinanza che faccia sentire gli uni sicuri, gli altri più integrati nella realtà cittadina”.