Home Comprensorio Sicurezza stradale: approvato ordine giorno consiglio Fiorano

Sicurezza stradale: approvato ordine giorno consiglio Fiorano

Il Consiglio Comunale di Fiorano, nella seduta di giovedì 12 aprile, ha approvato alla unanimità un ordine del giorno sulla sicurezza stradale, partendo dalla premessa sono oltre un milione e duecentomila i morti sulle strade nel mondo ogni anno, quanti quelli provocati da tubercolosi o malaria; ogni sei secondi una persona resta uccisa o menomata, ogni tre minuti muore un bambino per incidente stradale; oltre il 90% degli incidenti avviene nei Paesi in via di sviluppo.


Considerato che su iniziativa dell’ Automobile Club d’Italia, in accordo con la FIA Foundation, si stanno raccogliendo le firme per appoggiare l’iniziativa “Strade sicure – make roads safe”, il Consiglio Comunale ha sottoscritto la petizione per “invitare l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ad adottare una Risoluzione che promuova azioni concrete per ridurre gli effetti dell’incidentalità stradale nel mondo, in particolare nei Paesi a medio e basso reddito, e che sostenga le seguenti azioni:
– supportare un piano d’azione globale decennale del valore di 300 milioni di dollari per migliorare la sicurezza stradale nei Paesi in via di sviluppo;

– chiedere alla Banca Mondiale e ad altri principali donatori di garantire che almeno il 10% degli stanziamenti per lo sviluppo delle infrastrutture stradali sia destinato alla sicurezza;
– appoggiare l’idea di organizzare un Summit interministeriale mondiale, patrocinato dalle Nazioni Unite, al fine di concordare azioni politiche ad alto livello volte a contrastare le morti sulle strade nei Paesi in via di sviluppo.


Il Consiglio Comunale chiede alla Comunità internazionale di combattere le maggiori cause di incidentalità: accrescendo l’educazione alla guida, migliorando il disegno delle strade in funzione della sicurezza, predisponendo misure a tutela dei pedoni, migliorando le politiche di controllo del traffico, combattendo il fenomeno della guida sotto effetto dell’alcool e delle droghe, reprimendo l’abitudine all’eccesso di velocità alla guida”.