Lotta all’evasione: il Comune di Reggio si dota del software ‘Elisa’






    Il Consiglio comunale ha approvato oggi la convenzione attraverso cui il Comune di Reggio aderirà al progetto “Elisa”, un programma promosso dalla Presidenza del consiglio dei Ministri per l’innovazione tecnologica degli enti locali e finanziato dal “Fondo per il sostegno agli investimenti per l’innovazione negli enti locali”.

    Questo progetto di digitalizzazione e integrazione della banche dati territoriali (che verrà realizzato in forma associata insieme ad altri enti locali) si articola in due programmi – Eli-fis (fiscalità) ed Eli-cat (catasto) – che gestiranno in forma integrata i servizi locali in materia fiscale e catastale e permetteranno sia di semplificare le pratiche di amministrative che di contribuire alla lotta all’evasione.

    “I progetti Eli-fis ed Eli-cat – ha detto il vicesindaco e assessore al Bilancio Franco Ferretti – costituiscono un importante strumento di modernizzazione della pubblica amministrazione, di semplificazione delle procedure e lotta all’evasione. Consentono ai Comuni di raggiungere una serie di obiettivi prioritari, come migliorare il controllo del territorio per la realizzazione dell’equità fiscale e razionalizzare i processi amministrativi ed organizzativi, snellire i tempi della burocrazia e migliorare i servizi per cittadini ed imprese.
    Eli-catasto riunirà in un’unica banca dati le informazioni catastali, dell’ufficio Comunale dell’anagrafe della popolazione, dell’edilizia e delle informazioni contenute nell’anagrafe tributaria, con lo scopo di avere dati integrati e aggiornati. Eli-fiscalità realizzerà invece un magazzino dati composto da dati dell’anagrafe della popolazione, dell’anagrafe tributaria, dell’Ici e del catasto. Sarà così possibile migliorare il controllo dell’evasione sia dei tributi locali che dei tributi dello stato e sviluppare una migliore conoscenza della situazione dei contribuenti rispetto a tutti i tributi, con possibilità di conoscere la pressione fiscale complessiva sui contribuenti e di meglio orientare le scelte delle amministrazioni”.

    “Le nuove banche dati – ha concluso Ferretti – forniranno un contributo di rilievo per il decentramento amministrativo e l’autonomia finanziaria e fiscale degli enti locali, processi inarrestabili, sospinti anche da una forte domanda politica proveniente dal territorio. È tuttavia indubbio come il decentramento fiscale non sia affatto un percorso lineare e coerente: molti tributi locali sono in larga parte disciplinati di fatto dal centro ed i margini concessi alle amministrazioni locali si limitano spesso alla mera modulazione di aliquote e tariffe”.

    La convenzione per la partecipazione del Comune al progetto Elisa – per il quale il Comune sosterrà nel triennio una spesa rispettivamente di circa 14mila euro per Eli- cat e di circa 21mill euro per Eli-fis – è stata approvata con 16 voti a favore (Pd, Prc, Pdci, gruppo misto-Udeur), un voto contrario (gruppo misto-IdV), 10 astensioni (An, Udc, FI, Gente di Reggio, Costruire Reggio, Popolari, cons. Gironi del Pd).









    Articolo precedenteNoa in prima nazionale a Modena
    Articolo successivoA Rubiera si allena la medaglia d’oro Federica Pellegrini, testimonial Admo