Letta a Modena, parte il dibattito sul congresso Pd





    image001Enrico Letta, responsabile nazionale Welfare del Pd, apre domani, sabato 29 agosto, la serie dei grandi appuntamenti con la politica alla Festa del Pd di Modena. Sarà alle 21 sul palco del PalaConad di Ponte Alto, intervistato da Pier Francesco De Robertis del Quotidiano nazionale.

    Enrico Letta – 43 anni, sposato, tre figli – è stato allievo di Beniamino Andreatta. Nel 1998, con il primo governo D’Alema, diventa a 32 anni il più giovane ministro della storia repubblicana, come responsabile del Dicastero delle Politiche comunitarie. Nel 2000 ministro dell’Industria, Commercio e Artigianato nel secondo governo D’Alema. Incarico che conserva con il governo Amato, per il quale è anche ministro del Commercio con l’Estero fino al 2001. Nel 2001 diventa deputato per la prima volta e s’iscrive alla Margherita. Tra il 17 maggio 2006 e l’8 maggio 2008 ricopre l’incarico disottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri nel governo Prodi. Si candida alla segreteria del neonato Partito democratico ottenendo, con le primarie del 14 ottobre 2007, oltre l’11% dei consensi. Eletto alla Camera alle ultime elezioni, entra a far parte del governo ombra del Pd in qualità di responsabile Welfare. Ha svolto attività di insegnamento e di ricerca presso la Scuola superiore S. Anna di Pisa e l’Haute Ècole de Commerce di Parigi. Ha scritto, assieme a Pierluigi Bersani, Viaggio nell’economia italiana (Donzelli 2004) e, di recente, Costruire una cattedrale. Perché l’Italia deve tornare a pensare in grande (Mondadori 2009).

    Alle 18.30, nella Saletta Parlamentari della Festa, presentazione del libro “Ansia da prestazione. Il lavoro somministrato senza ricetta” di Alessandra Delogu Santangelo. Sarà presente l’autrice, intervistata da Anna Ferri di E’ Tv, assieme all’on. Amalia Schirru e a Sergio Carrozza dell’associazione 20 maggio.









    Articolo precedenteAl via le attività del ‘Progetto Dislessia’
    Articolo successivoFormazione professionale: dalla Provincia 370 mila euro per 2° anno di Frida