Visita delle ville storiche di Formigine






    visita ville storicheSono andate esaurite in pochi giorni le prenotazioni per la visita di alcune delle più suggestive ville storiche private del territorio comunale, a dimostrazione del grande successo dell’iniziativa che l’Assessorato al Turismo propone per la quinta volta domenica prossima 13 settembre.“Le numerose richieste che sono arrivate ai nostri uffici testimoniano quanti cittadini abbiano apprezzato l’impegno dell’Amministrazione comunale da tempo impegnata nel recupero e nella valorizzazione dei beni culturali del proprio territorio – afferma l’Assessore al Turismo Renza Bigliardi – ma voglio anche sottolineare che il percorso di visita all’interno di alcune significative ville private formiginesi, è possibile solo grazie alla grande disponibilità dei proprietari, ai quali va il nostro ringraziamento. Pertanto i posti a disposizione sono contingentati. Stiamo infine pensando insieme ai proprietari di altre ville del territorio, di organizzare eventualmente una seconda iniziativa”.

    Lo storico dell’arte Luca Silingardi accompagnerà due gruppi di visitatori: il primo dalle ore 8 alle ore 13, il secondo dalle ore 14 alle ore 19. Possono visitare le ville storiche, solo ed esclusivamente coloro che partecipano all’iniziativa.

    Il percorso prevede la visita a Formigine di Villa Tacoli, detta “Lo Zoccolo”, appartenuta nel 1650 al cardinale Carlo Pio di Savoia; di Villa Della Fontana a Corlo che presenta, all’interno, splendide decorazioni ottocentesche in stile eclettico; di Villa Levizzani a Casinalbo, oggi sede del Club “La Meridiana” e di Villa Maria al Tiepido a Colombaro, costruita alla fine dell’800 per volontà di Francesco Aggazzotti, già sindaco di Formigine.

    Sempre nella giornata di domenica 13 settembre, sarà emessa una cartolina dedicata alla ville storiche di Formigine a cura del Circolo Filatelico Numismatico e Hobbistico Formiginese, che potrà essere acquistata dalle 12 alle 13 e dalle 18 alle 19 presso Villa Gandini.









    Articolo precedenteCastellarano: ciclo di visite guidate “Il Filo Riannodato”
    Articolo successivoAmarcord sul calcio fioranese