Aimi (PdL) replica alla dichiarazione di Pivanti (Cgil)






    “Nel ringraziare Donato Pivanti per il suo critico intervento sulle politiche di contrasto all’immigrazione adottate dal centrodestra a Sassuolo, riteniamo sia opportuno offrirgli la cittadinanza onoraria sulla Luna. Sì, perché con il suo ragionamento, ha dimostrato proprio di vivere su un altro pianeta”. Lo ha affermato il candidato capolista del PdL Enrico Aimi, intervenuto per commentare le dichiarazioni rilasciate dal segretario uscente della Cgil di Modena.Aimi desidera inoltre “ringraziare Pivanti per aver, involontariamente, fatto la miglior pubblicità possibile a quanto di efficace sta realizzando il centrodestra a Sassuolo attraverso le concrete politiche di lotta all’immigrazione clandestina attuate dal Sindaco del PDL Luca Caselli. Nel passaggio in cui il compagno Pivanti sottolinea che “la città è guidata da un sindaco che si pone l’obiettivo di ripulire la città dai clandestini, non riconosce il diritto alla moschea, e che garantisce i servizi ed il sostegno al reddito esclusivamente agli stranieri che risiedono in citta’ da almeno 10 anni, l’opposto di quello che chiediamo e vogliamo noi”, non fa altro che evidenziare ciò che finalmente viene attuato in una città abbandonata per troppi anni alle politiche lassiste della sinistra: operazioni di duro contrasto alla criminalità tutta e lotta alla clandestinità. Non solo: il fiero paladino dell’immigrazione ad oltranza, non si è fatto sfuggire l’occasione per affermare che questa è la politica di Caselli ed è “l’opposto di quello che chiediamo e vogliamo no della CGIL”, dimostrando di avere lo sguardo davvero girato verso un altro pianeta. Ne prendiamo dunque atto e crediamo – ha rincarato Aimi – che ne abbiano preso atto anche tanti lavoratori e tanti (ex) simpatizzanti del centrosinistra, stanchi di veder sbandierare politiche volte solo ai diritti a senso unico per gli extracomunitari. Ci sembra dunque doveroso porgere un sentito ringraziamento al compagno Pivanti per aver dichiarato di “voler porre con forza il tema dei diritti di cittadinanza”, infischiandosene dunque di tutte le priorità sulle quali andrebbero invece concentrati gli sforzi, oltretutto in un momento come questo, di forte crisi economica. Ci pare altresì giusto – ha concluso ironizzando Aimi – proporre il suo nominativo ai tecnici della Nasa per un eventuale allunaggio: un pianeta che si addice alla perfezione alla sua visione della realtà”.









    Articolo precedenteLa Giunta dell’Unione Terre di Castelli chiede un arricchimento e completamento dell’offerta formativa del territorio
    Articolo successivoGiovedì 18 e venerdì 19 marzo, al Carani di Sassuolo ‘Avenue Q’