Home Politica Barbieri (Sassuolo 2020): con l’arrivo dell’estate non lasciamo gli anziani soli

Barbieri (Sassuolo 2020): con l’arrivo dell’estate non lasciamo gli anziani soli

anziani La Lista Civica Sassuolo 2020 ritiene indispensabile che le istituzioni comunali, specie con l’arrivo dell’estate, conoscano le problematiche del mondo degli “ anziani “affinché possano concretamente operare per il benessere del nostro paese, e per poter effettuare una seria e concreta “politica sociale” a favore degli anziani e delle loro famiglie.

Gli ultimi dati sul numero dei nostri anziani di riferiscono a Maggio 2013, allora nella nostra città avevamo 8284 anziani over 65 di cui 4823 femmine (58%) e 3641 maschi (42%), tra questi numeri c’erano 125 stranieri e 2303 anziani vivevano soli.

Quando mi occupavo di Servizi Sociali, grazie alla collaborazione di un privato cittadino e alla associazione Assde, avevamo dato il via ad un censimento per monitorare problematiche, esigenze e situazioni di solitudine degli anziani residenti a Sassuolo.L’indagine conoscitiva iniziò con il quartiere di S.Michele dove vivevano 458 anziani ultrasessantacinquenni di cui 63 soli. Da quella ricerca emergeva che 3 anziani su 10 hanno sperimentato almeno una volta un sentimento di paura quando erano in casa da soli. Sono le donne ad essere più intimorite: il 24% ha spesso paura, il 19% a volte. La situazione familiare non è irrilevante: il 19% degli anziani che vivono da soli dice di provare spesso paura, diversamente da coloro che vivo con altri familiari (il 7%).Le persone che riferiscono di essersi sentite sole sono soprattutto donne e vedove: il 40% contro il 9% degli uomini. Alla domanda “Ritiene che il suo reddito ed eventuale patrimonio che possiede possano essere sufficienti per garantirsi l’assistenza di cui potrebbe avere bisogno in futuro?” il risultato non è rassicurante: soltanto il 38% degli intervistati risponde in modo affermativo, il 29% giudica invece insufficienti le proprie risorse per un’assistenza in futuro.Le tipologie familiari più a rischio sono: anziani che vivono soli o in coppia, senza altri parenti. Il 20% degli anziani che risiede a San Michele vive solo. In generale, comunque, le persone anziane che vivono a San Michele possono contare su una forte presenza di relazioni familiari, con  figli, il coniuge e altri parenti, che vivono nella stessa casa o comunque a una breve distanza. In particolare il 62% degli anziani convive con il coniuge, l’82% può contare sulla presenza dei figli che convivono (il 37% dei casi) o abitano molto vicini. La maggior parte delle persone anziane che vivono a San Michele è coinvolta in almeno un’attività socializzante. Il 93% delle persone , ad esempio, riceve visite da figli e parenti; più dell’80% riceve visite da amici e vicini di casa. Cosa desidererebbero per sentirsi meno soli? La risposta più frequente è : ricevere visite di conoscenti o di parenti. La vecchiaia inevitabilmente fa sentire soli? Più della metà crede di si. La lista Civica Sassuolo 2020 chiede all’attuale amministrazione di dare continuità a questa ricerca da ampliare anche agli altri quartieri della città, con la convinzione che le istituzioni possono svolgere un ruolo di regia, di integrazione degli interventi attuati dai diversi soggetti in campo, il volontariato, l’associazionismo, le famiglie, i servizi privati, e non dimentichiamoci mai che ci sono tante persone anziane sole che hanno bisogno di tutti noi.

Giorgio Barbieri – Capogruppo Lista Civica Sassuolo 2020