Home Reggio Emilia Stamane in Municipio la presentazione del libro di Milan Mazic, detenuto nel...

Stamane in Municipio la presentazione del libro di Milan Mazic, detenuto nel carcere di Reggio Emilia

Carcere--presentazioneQuesta mattina, nella sala Rossa del Municipio di Reggio Emilia, si è svolta la presentazione del libro di racconti ‘Anche questo è un uomo. Dialoghi e racconti dal carcere a microfoni spenti’ di Milan Mazic, detenuto nel carcere di Reggio Emilia.

Nato a Zemun (Serbia) il 20 settembre 1953, e attualmente detenuto nel carcere di Reggio Emilia, Milan Mazic racconta come nella casa circondariale si sia trasformato da esempio negativo a modello positivo.

I racconti di Milan Mazic parlano della vita del carcere e di come i carcerati vedono la vita esterna attraverso le sbarre, carica di nostalgia, rimpianti, difficoltà nei rapporti interpersonali. Ironia, saggezza pratica e relazioni umane sono gli ingredienti delle storie raccontate, che mostrano le anime del carcere.

Mazic definisce i suoi scritti “dialoghi e racconti a microfoni spenti”, proprio per accentuare la difficoltà di comunicazione dovuta sì all’isolamento ma anche ai pregiudizi che portano a tenere lontano chi è recluso, anche se ha pagato il suo debito.

Alla presentazione hanno partecipato, oltre all’autore Milan Mazic, il vicesindaco del Comune di Reggio Emilia Matteo Sassi; Paolo Madonna, direttore degli Istituti penali di Reggio Emilia, e Marco Ruini, responsabile di Libera Università Neuroscienze Anemos, che ha curato la pubblicazione dell’opera.

“Nello scrivere questo libro – ha detto Mazic – mi sono chiesto: Se prima di finire in carcere, del meglio della vita ho preso solo il peggio, perché ora dal peggio non trarre il meglio? Spesso i detenuti vengono dipinti come persone ignoranti o poco intelligenti, ma non è così: con questo libro ho cercato di dare voce ai carcerati, ai reclusi, a chi paga i propri errori con la perdita della libertà”.

“Questo libro – ha detto il vicesindaco Sassi – parla di detenzione e pena, temi delicati che spesso vengono trattati sottobanco o in maniera retorica. Quando si affrontano questi argomenti, invece, bisogna sforzarsi di abbandonare toni retorici, richiamando il valore e l’importanza dei singoli contributi di ciascuno nella quotidianità, nell’aiutare gli altri. Questo impegno è il valore aggiunto di una città che lavora giorno dopo giorno con un senso dell’etica, intelligenza e passione, veri elementi che fanno la differenza, senza effetti speciali”.

“Con questo libro – ha detto il direttore Madonna – Mazic trasmette un mondo di emozioni e sensazioni che non ci si aspetterebbe di trovare all’interno del carcere, un posto che normalmente immaginiamo solo come un luogo popolato da persone molto lontane e diverse da noi. Le storie di Mazic, invece, ci riguardano da vicino e hanno sullo sfondo la speranza del cambiamento”.

Ruini ha infine ricordato il lavoro dei volontari dentro al carcere e ha ribadito come “i racconti di Milan Mazic ci obblighino a metterci in ascolto, offrendo il punto di vista di chi sta scontando la pena e diversi spunti per aprire una riflessione sul carcere e sul suo ruolo di reinserimento di chi ha sbagliato”.

Il ricavato della vendita del libro, la cui realizzazione è stata finanziata dall’associazione culturale Anemos, sarà devoluto a favore di iniziative sociali e culturali in carcere.