Home Cronaca Sant’Ilario d’Enza: raid di furti in attività commerciali, arrestato

Sant’Ilario d’Enza: raid di furti in attività commerciali, arrestato

CarabinieriDopo il furto di una decina di bottiglie di liquore (nocino e montenegro) rubate al supermercato d’Italy, si è recato nella pizzeria Pulcinella, sempre a sant’Ilario d’Enza, rubando con destrezza il cellulare del proprietario. Quindi a distanza di un ora dal primo furto è tornato nuovamente al supermercato di Via Gramsci rubando alcune bottiglie di rum e alcune lattine di birra. Quest’ultimo tentativo non è andato a buon fine: l’extracomunitario fermato dai Carabinieri di Sant’Ilario d’Enza è stato trovato non solo in possesso delle ultime bottiglie di rum e latine di birra rubate, che aveva nascosto sotto un’autovettura in sosta nel parcheggio del supermercato, ma anche del telefono cellulare sottratto al pizzaiolo.

Con l’accusa di furto aggravato e continuato i Carabinieri della Stazione di Sant’Ilario d’Enza ieri pomeriggio hanno tratto in arresto il cittadino marocchino A.H. 43enne in Italia senza fissa dimora, ristretto al termine delle formalità di rito a disposizione della procura reggiana.  E’ accaduto ieri pomeriggio: l’uomo poco dopo le 14,30 si introduceva all’interno del supermercato d’Italy di via Gramsci del comune di sant’Ilario d’Enza asportando 4 bottiglie di nocino e 2 di montenegro. Sebbene sorpreso riusciva a oltrepassare le casse e a darsi alla fuga prima dell’arrivo dei carabinieri della locale Stazione che avviavano le ricerche del ladro. Quest’ultimo nel frattempo entrava nella vicina pizzeria Pulcinella, ed approfittando di un momento di distrazione del proprietario, gli asportava uno smartphone dileguandosi. Ha voluto strafare e gli è andata male: dopo circa un ora è tornato all’interno dello stesso supermercato asportando 3 bottiglie di rum, una latina di birra e un cartone di succhi di frutta. Sebbene anche questa volta riusciva a fuggire non andava oltre il parcheggio dove veniva raggiunto dai Carabinieri che lo fermavano scoprendo che aveva nascosto la refurtiva dell’ultimo colpo sotto un autovettura in sosta nel parcheggio. Condotto in caserma veniva trovato anche in possesso dello smartphone rubato al pizzaiolo. Identificato nel menzionato 43enne alla luce della flagranza di reato veniva arrestato. A refurtiva recuperata dai carabinieri veniva quindi  restituita ai derubati.