Home Modena Il buon jazz è di casa a Modena con il ritorno del...

Il buon jazz è di casa a Modena con il ritorno del Festival

franco-cerriMusicisti eccellenti, protagonisti storici e attuali, pubblico curioso e appassionato. Il buon jazz continua a essere di casa a Modena e dintorni. Dal centro storico a Villa Sorra, per arrivare infine a Castelfranco dopo essere partito da Castelvetro, ritorna il Modena Jazz Festival in piazza XX settembre, da venerdì 24 a domenica 26 giugno, con serata finale giovedì 30 giugno, all’interno degli appuntamenti estivi di Modenamoremio, nell’ambito dell’Estate modenese 2016.

Il programma del Festival, organizzato dagli “Amici del Jazz di Modena”, con patrocinio e sostegno del Comune di Modena, è stato presentato questa mattina dall’assessore al Centro storico Andrea Bosi, dall’organizzatore Giulio Vannini, degli Amici del Jazz, e da Maria Carafoli di Modenamoremio. La presentazione si è svolta al locale “Il Decano” di via Sant’Agostino, che ospita la conclusione in jam session di ogni serata del Festival.

“Il Modena jazz festival – ha sottolineato l’assessore Bosi – rappresenta l’ennesima occasione nata dalla collaborazione di associazioni e Comune per aggiungere piacere di uscire in un centro storico vitale all’insegna di cultura e buona musica”.

Nel merito del programma pensato per la parte modenese del Festival è entrato l’organizzatore Giulio Vannini, spiegando che “mira a mettere in gioco i vari generi che ruotano attorno alla storia di questa musica. Oggi si parla tanto di Jazz Italiano, così abbiamo pensato di partire dal suo arrivo e sviluppo in Italia, dai primi anni ‘20 al secondo dopoguerra. Ecco come nasce, ad esempio, la serata d’apertura del 24 giugno dedicata al jazz del dopoguerra da Gorni Kramer Romolo Grande e in parte al jazz anni ‘20 e ‘30”.

L’apertura del Festival a Modena in piazza XX settembre, infatti, oltre a vedere i reduci della “New Emily” (che oggi si chiama Route 9), sarà impreziosita dal concerto della leggenda del Jazz italiano Franco Cerri, chitarrista milanese già collaboratore di Gorni Kramer, accompagnato dal fedele Carmelo Tartamella alla chitarra e dal promettente contrabbassista modenese Simone Di Benedetto.

Il 25 Giugno, in occasione della Festa della Musica di Modena, largo invece alle influenze riconducibili al contemporaneo, e a quel che c’è intorno alla Black Music, partendo dal Jazz per giungere a sonorità vicine a Hip Hop, Funk e Soul.

Fabio Morgera, musicista italiano che ha vissuto a New York per 20 anni, sarà in concerto con Drum machine, trombe, organo Hammond, chitarra ed effetti d’ogni tipo, avvalendosi di alcuni dei migliori musicisti italiani come il chitarrista Riccardo Bianchi (già collaboratore di Enrico Rava) e l’organista Emiliano Pintori.

Il 26 giugno è di scena il jazz classico e immortale di Bill Evans, con tre protagonisti di livello internazionale: Dado Moroni al piano con due collaboratori stretti di Bill Evans come Eddie Gomez basso e Joe La Barbera alla batteria.

Il 30 giugno, infine, spazio a Jazz Amore Mio, promosso da Modenamoremio, che porterà sul palco gli allievi dei laboratori che si sono tenuti a Levizzano Rangone, nell’ambito della prima edizione di Colli in Musica Castelvetro Jazz Festival, che ha coinvolto una trentina di musicisti da tutta Italia.

Il Modena jazz festival proseguirà nella Limonaia di Villa Sorra con due concerti aperitivo al mattino il 3 e il 10 luglio. Il jazz approderà poi a Castelfranco Emilia, con il Castelfranco Summer Jazz Festival che propone due grandi concerti serali in piazza Garibaldi il 13 e il 14 luglio sempre a cura degli Amici del Jazzz di Modena.

 

IL PROGRAMMA DI XX SETTEMBRE

Ha il suo cuore in piazza XX settembre il “Modena jazz festival 2016, organizzato dagli “Amici del Jazz di Modena” con Modenamoremio nell’ambito dell’Estate modenese 2016 con patrocinio e sostegno del Comune di Modena.

La serata d’apertura, tutti gli appuntamenti del Festival sono gratuiti, si svolge venerdì 24 giugno e si apre alle 21.30 con “Jazz nel dopoguerra da Gorny Kramer a Romolo Grande”. Protagonista un gigante del jazz italiano con il suo Trio: Franco Cerri. Oltre a Cerri alla chitarra, la formazione si compone di Carmelo Tartamella, anche lui alla chitarra e Simone Di Bendetto al contrabbasso

Alle 22,30 la “Route 9” in concerto per Romolo Grande. Sul palco Mirco Tagliazzucchi alla tromba, Mario Parisini al sax soprano, Paolo Mella al trombone, Marcello Franchini al banjo, Paolo Panzani al piano, Steve Riva al basso.

Sabato 25 giugno, in occasione della Festa della Musica, l’appuntamento in piazza XX settembre alle 21.30 è con “Fabio Morgera Vibe Machine”. Morgera suona tromba, trombone soprano, sampler , drum machine e percussioni; Emiliano Pintori l’organo Hammond e il sax; Riccardo Bianchi la chitarra e strumenti elettronici.

Domenica 26 giugno in piazza XX settembre, ancora alle 21,30 è la volta di “Kind of Bill” Moroni – Gomez- La Barbera con Dado Moroni al piano, Eddie Gomez al contrabbasso e Joe La Barbera alla batteria.

Il Modena jazz festival si chiude il 30 giugno sempre in piazza XX settembre alle 21.30 con Jazz Amore Mio – Concerto esito dei laboratori di Musica d’insieme di Colli in Musica, coordinati da Stefano Calzolari. Nel primo set Luca Cerebelli al sax tenore, Francesco Orio al pianoforte, Loris Leo Lari al contrabbasso, Davide Bussoleni alla batteria. Nel secondo set, invece, sul palco salgono Luca Cerebelli e Riccardo Manfredi al sax tenore, Riccardo Nonnis alla tromba; Enrico Lovascio al pianoforte, Federico Tassoni al contrabbasso, Davide Raisi alla chitarra, Gabriele Ruscello alla Batteria

Il Festiva prosegue con due concerti aperitivo, sempre gratuiti, di domenica alle 11  nella limonaia di Villa Sorra. Il 3 luglio Enrico Lazzarini presenta il suo disco: “Fra di noi”. Si esibiscono Enrico Lazzarini (Contrabbasso), Silvia Donati (voce), Giancarlo Bianchetti (Chitarra), Andrea Burani (Batteria).

Domenica 10 luglio è la volta di Pepper and the Jellies, con Ilenia Appicciafuoco (vox; whasboard; Kazoo) Marco Galiffa (Guitar) Emiliano Macrini (dbass) Andrea Galiffa (Percussion)

 

SMALLET JAZZ CLUB AL DECANO

Da giovedì 23 alle 21,30 con Charlie Stacey Trio (Charlie Stacey Pianoforte, David Paulis contrabbasso, Marco Beiato batteria) e jam session a seguire, torna protagonista del Modena jazz festival, tutte le sere fino al 30 giugno, lo “Smallet jazz club” del locale “Il Decano” di via S. Agostino 9/a a Modena.

La chiusura di serata allo Smallet a stretto contatto con ottimi musicisti è un momento ormai rituale della rassegna organizzata dagli “Amici del Jazz di Modena” con Modenamoremio che avrà il suo centro in piazza XX settembre nell’ambito nell’ambito dell’Estate modenese 2016 con patrocinio e sostegno del Comune di Modena.

Il programma, che prevede sette appuntamenti sempre con jam session finale, prosegue venerdi 24 alle 22,30 con Riccardo Laforesta Trio (Riccardo Laforesta batteria, Simone Dibenedetto contrabbasso, Claudio Vignali pianoforte); sabato 25 alle 22,30 Lucio Bruni Trio (Lucio Bruni pianoforte, Enrico Lazzarini contrabbasso, Andrea Burani batteria); domenica 26 alle 22,30 Nico Menci Trio (Nico Menci pianoforte, Mirko Scarcia contrabbasso, Fabio Grandi batteria); lunedi 27 alle 21,30 Luca Barbieri Trio (Luca Barbieri pianoforte, Roberto Beneventi contrabbasso, Stefano Sorace batteria); martedi 28 alle 21,30 Leo Caligiuri Trio (Leo Caligiuri pianoforte, Giacomo Marzi contrabbasso, Francesco Cusa batteria); Mercoledi 29 alle 21,30 Stefano Calzolari Octet Giovedi 30, infine Tribute to Jazz Messengers (Giulio Stermieri Pianoforte, Nicolò Ballista contrabbasso, Andrea Burani batteria, Michele Vignali sax tenore, Manuel Caliumi sax contralto, Valerio Renzetti tromba).

Il programma dell’Estate modenese è on line (www.comune.modena.it/estate2016).