Home Scandiano “In difesa della razza umana”, a Scandiano uno spettacolo teatrale itinerante

“In difesa della razza umana”, a Scandiano uno spettacolo teatrale itinerante

Si susseguono a ritmo incalzante gli appuntamenti della rassegna Scandiano(R)esiste 2019. Fatti Luoghi Persone, un percorso attraverso la Resistenza di ieri e di oggi per consolidare il valore della forza delle idee, della partecipazione attiva di ogni singolo individuo allo sviluppo della comunità. Scandiano Resiste racchiude al suo interno diversi linguaggi e modalità espressive, alternando momenti più istituzionali come ad esempio quelli delle celebrazioni del 25 aprile ad iniziative ed appuntamenti che utilizzano l’arte, il teatro e le discipline artistiche per veicolare messaggi legati alla Resistenza e alla Legalità. L’Amministrazione comunale anche quest’anno ha fortemente voluto l’appuntamento che ricordasse la liberazione di Scandiano dall’occupazione fascista dedicando ad essa una serata attraverso lo spettacolo teatrale itinerante a cura del Centro Teatrale MaMiMò che si svolgerà sabato 27 aprile. Questa serata che viene proposta di anno in anno al centro della quale ogni volta vine sviluppato e approfondito un argomento diverso, interessa tutto il centro di Scandiano e coinvolge sempre un pubblico molto numeroso. Di piazza in piazza, di via in via, le persone sono invitate dagli attori a soffermarsi, attraverso l’ascolto di scene teatrali e la visione di brevi performance e installazioni artistiche, sui fatti storici realmente accaduti proprio a Scandiano. A volte piccole scene di vita vissuta, altre fatti cruenti e memorie intime e personali aiutano lo spettatore ad immedesimarsi nell’atmosfera dell’epoca, accompagnandolo in un percorso che dalla narrazione delle leggi razziali, tema centrale di questa edizione, lo faccia transitare ad una esperienza “contemporanea”, che lo coinvolga in modo da stimolare un raffronto, una riflessione, perché per rimanere viva una memoria deve poter continuare a dialogare con il presente. Il ritrovo per il pubblico sarà alle ore 20,30 n piazza Spallanzani, da lì si partirà in gruppo, pubblico, attori e alcuni musicisti, si percorrerà corso Vallisneri, via Marconi per arrivare in piazza Boiardo dove ci sarà il saluto dell’Amministrazione e la prima e propria scena iniziale dello spettacolo teatrale. Al pubblico verrà consegnata una mappa dove saranno indicate tutte le stazioni con le scene teatrali, ognuno sarà infatti libero di muoversi liberamente negli spazi allestiti: la Rocca dei Boiardo (cortile, Giardini e Appartamento Estense), via Magati, Piazza Libertà. La serata avrà due percorsi di natura differente: nel primo, in due stazioni, una serie di scene successive, avranno come focus narrativo le leggi razziali del ’38, quell’epoca, quelle situazioni, quelle persone. Per il pubblico questo sarà il viaggio nel passato e sarà a cura degli allievi del Centro Teatrale MaMiMò coadiuvati dai registi dell’evento. Nel secondo percorso invece il pubblico, sarà coinvolto da gruppi di adolescenti delle scuole medie di Scandiano e Arceto che leggeranno delle lettere scritte da loro a persone immaginarie, nei laboratori teatrali svolti a scuola, aventi come tema una foto per portarli a riflettere sul tema “dell’altro”. La serata prevede anche la proiezione in Rocca del documentario dal titolo “Giusti” di Istoreco, per la regia di Mathias Durchfeld e Andrea Mainardi, che saranno presenti, una installazione per ricordare le vittime delle leggi razziali. Alle ore 23 per tutto il centro suonerà una sirena che, con l’aiuto anche degli attori, inviterà tutto il pubblico a spostarsi in piazza Fume per un evento finale. Lì tutte le persone verranno coinvolte in un esperimento sociale in cui si giocherà a dividere i partecipanti in gruppi basati su differenze identitarie (lavoro, età, provenienza, sesso) per poi mescolare le varie identità evidenziando come siano molte di più le cose che ci uniscono che quelle che ci dividono e che l’unica vera razza esistente è quella Umana. La regia dello spettacolo è di Filippo Bedeschi e Fabio Banfo del Centro Teatrale MaMiMò. Un ringraziamento alle numerose associazioni che collaborano con l’Amministrazione alla rassegna Scandiano(R)esiste: ANPI Sezione Scandiano, Circolo Nuova Fellegara, Circolo Le Ciminiere, Libera Reggio Emilia, Scuola Secondaria M.M. Boiardo, Scuola Secondaria A.Vallisneri, Istituto Statale P.Gobetti, Istoreco, Istituzione dei Servizi educativi e scolastici.