Home Musica Sesto appuntamento in terra reggiana del Festival Mundus 2019 con il collettivo...

Sesto appuntamento in terra reggiana del Festival Mundus 2019 con il collettivo ‘The Liberation Project’

Un evento di eccezionale importanza per il sesto appuntamento in terra reggiana del Festival Mundus 2019. The Liberation Project – collettivo composto da una core band di 5 musicisti del Sudafrica ai quali si aggiungono di volta in volta altri musicisti provenienti da diversi Paesi – farà tappa con il “Friendship e Solidarity Tour” (Tour per l’amicizia e la solidarietà) giovedì prossimo 18 luglio – il Mandela Day – nella bella cornice di Piazza Prampolini a Reggio Emilia con ingresso libero e gratuito.

L’evento – realizzato in collaborazione con la Fondazione Palazzo Magnani di Reggio Emilia – si tiene nell’ambito della 24esima edizione del noto festival musicale Mundus organizzato da ATER – Associazione Teatrale Emilia Romagna assieme alla Regione Emilia Romagna e a tutti i Comuni partecipanti, che si svolgerà fino al 15 agosto tra Carpi, Casalgrande, Correggio, Modena, Reggio Emilia e Scandiano.

Fanno parte di The Liberation Project i musicisti sudafricani Dan Chiorboli, Tebogo Sedumedi, Peter Djamba, Kabelo Seleke e Lindi Ngonelo. A loro si aggiungono in questo tour gli italiani Cisco Bellotti (ex Modena City Ramblers) e Roberto Formignani (The Bluesman). Infine ci saranno due importanti musicisti di caratura internazionale uno dal Regno Unito/Cuba e l’altro dalla Guinea, rispettivamente Phil Manzanera (Roxy Music / Pink Floyd) e N’Faly Kouyate (Afro-Celt Sound System / Peter Gabriel), entrambi fin dagli inizi insieme a Chiorboli promotori del progetto. Ospite speciale della data di Reggio Emilia sarà Ruweida Soni.