Home Modena Coronavirus, Cisl e Uil: “Misure straordinarie per strutture per anziani”

Coronavirus, Cisl e Uil: “Misure straordinarie per strutture per anziani”

Intervenire con la massima celerità possibile per superare le difficoltà delle strutture per anziani, dove si registrano numerosi contagi tra i lavoratori e decessi tra gli ospiti.

Lo chiedono Cisl Emilia Centrale, Uil di Modena e Reggio e le rispettive categorie dei pensionati all’indomani della richiesta unitaria di un incontro della Conferenza territoriale socio-sanitaria (Ctss) con il suo presidente (il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli), quello della Provincia Giandomenico Tomei e il direttore dell’Ausl di Modena Antonio Brambilla.

«È stato fatto un lavoro straordinario negli ospedali da parte degli operatori sanitari, chiediamo che lo stesso sforzo venga messo in campo in tutte le strutture per anziani, dove si moltiplicano le segnalazioni di contagi e decessi – affermano Cisl e Uil, Fnp e Uilp – Siamo molto preoccupati sia per gli ospiti che per i lavoratori di queste strutture, che meritano la massima attenzione e risorse adeguate in termini di presidi di sicurezza e tutti gli accorgimenti organizzativi utili a fermare il contagio. Lavoratori e ospiti non possono essere lasciati a mani nude a combattere un nemico così subdolo».

I quattro sindacati sottolineano che le case residenza anziani, le quali ospitano persone anziane particolarmente fragili (spesso non autosufficienti), non sono attrezzate per gestire un’emergenza sanitaria come quella attuale. La situazione è aggravata, in molti casi, dalla carenza d’organico per la difficoltà a sostituire chi si ammala o deve andare in quarantena.

Cisl Emilia Centrale e Fnp Cisl Emilia Centrale, Uil e Uilp di Modena e Reggio ritengono urgente promuovere alcune azioni, anche alla luce delle recenti indicazioni della Regione Emilia-Romagna e del protocollo tra Cgil Cisl Uil, il Governo e le associazioni datoriali sulla sicurezza sul lavoro nelle strutture socio-sanitarie.

Innanzitutto si chiede l’istituzione di un coordinamento provinciale per garantire un’omogeneità di comportamento nelle diverse strutture accreditate (a gestione pubblica, privata o del privato sociale). Cisl e Uil premono per l’adozione di tutte le misure previste per il contenimento dell’infezione da coronavirus, a partire dalla dotazione di adeguati dispositivi di protezione individuale a tutto il personale, il mantenimento della sospensione delle visite dei familiari e parenti, l’attivazione di strumenti che consentano agli utenti di comunicare con l’esterno (ad es. videochiamate) per evitare il rischio di isolamento e solitudine, l’esecuzione di tamponi e/o analisi al personale socio-sanitario e agli stessi assistiti, la corretta gestione degli eventuali casi di positività, magari predisponendo reparti e/o strutture dedicate ai positivi Covid-19 in modo da tenerli isolati dagli altri ospiti.

Soprattutto i quattro sindacati chiedono il monitoraggio puntuale della situazione nelle case residenza anziani, Comune per Comune e struttura per struttura.

«Lavoratori e famiglie degli assistiti hanno diritto alla trasparenza, attraverso un’informazione puntuale su eventuali criticità. Per questo – concludono Cisl Emilia Centrale, Uil di Modena e Reggio Emilia, Fnp Cisl Emilia Centrale e Uil Modena – ci appelliamo a tutti i sindaci e ai soggetti pubblici e privati, ai quali offriamo la massima collaborazione e sostegno per evitare un’ulteriore diffusione del contagio tra ospiti e i lavoratori delle strutture per anziani».