Home Bassa modenese Mirandola, la Giunta comunale delibera in favore delle imprese appaltatrici date le...

Mirandola, la Giunta comunale delibera in favore delle imprese appaltatrici date le difficoltà indotte dal Covid-19

Un ulteriore passo in avanti in termini di agevolazioni, per il mondo imprenditoriale. La Giunta comunale ha deliberato questa mattina in favore delle imprese appaltatrici, la possibilità di: erogare l’anticipazione aumentata fino al 30%, ridefinire la durata dei lavori prevista da contratto, rideterminare dei SAL (Stati Avanzamento Lavori). “Sono fin troppo evidenti le problematicità economiche indotte dal Covid – afferma il Sindaco di Mirandola Alberto Greco – Come le ripercussioni che lo stesso ha avuto, per le attività imprenditoriali in termini di stop lavorativo e conseguenti ricadute negative. Per questo abbiamo deciso di andare incontro a quelle che sono richieste legittime mosse, causa il forte momento di difficoltà che sta lo sta attanagliando, dal mondo imprenditoriale.”

La Giunta di Mirandola pertanto con propria deliberazione ha adottato le linee guida relative alla gestione dei contratti d’appalto di lavori e servizi, a seguito dell’emergenza da Covid-19, in risposta alle richieste ed alle esigenze palesate dagli appaltatori.

In sostanza, sono tre le disposizioni adottate. La prima prevede la possibilità di erogare l’anticipazione aumentata dal 20 per cento al 30 per cento, in base a quanto previsto dal Decreto Rilancio del 19 maggio 2020. Quindi, si è provveduto a prevedere la possibilità di ridefinire il cosiddetto “tempogramma”, ovvero la durata dei lavori contrattualmente prevista degli interventi. Considerato, il periodo di sospensione delle attività imposto dalle misure di contenimento e prevenzione e, l’eventuale rallentamento dei lavori causato dall’applicazione delle misure anti-Covid. Da ultimo, ma non meno importante, è stata prevista la possibilità di rideterminare in diminuzione gli importi degli “Stati di Avanzamenti Lavori” (SAL) dei contratti già in essere e dei progetti già approvati, al fine di garantire una maggiore liquidità alle imprese appaltatrici.