Home Bologna Coronavirus a Longara, il Sindaco chiama a raccolta i cittadini: per...

Coronavirus a Longara, il Sindaco chiama a raccolta i cittadini: per due giorni tamponi gratuiti per tutti i residenti

Tamponi gratuiti per tutti i cittadini di Longara. Il Comune di Calderara e l’Ausl di Bologna hanno deciso di affrontare con decisione il focolaio che da una settimana preoccupa la città e ora fa registrare 8 positivi di cui 5 al di sotto dei vent’anni. Il Sindaco Giampiero Falzone e il Dipartimento di Sanità Pubblica intervengono per andare alla radice del problema, al fine di meglio comprendere la diffusione dell’infezione, con una misura di sanità pubblica importante.

Si tratta di una campagna straordinaria di rilevazione del virus: sabato e domenica dalle 9 alle 18, rispettivamente al Centro Anziani di via Caduti della Libertà e nella nuova piazza, di fronte alla Parrocchia di San Michele, i cittadini di Longara potranno sottoporsi gratuitamente al tampone naso oro-faringeo che ne rivelerà la positività o negatività: “Abbiamo tutti lavorato questa settimana – commenta il primo cittadino – per intervenire in maniera risoluta. Pertanto, andremo noi a cercare il virus e spegnere il focolaio. Naturalmente, chi è in quarantena o isolamento fiduciario non è interessato da questo intervento, avendo un’altra procedura diagnostica. Il tampone è volontario ma più cittadini lo faranno prima risolveremo questo focolaio. Ci sarà la capacità organizzativa di fare anche 2000 tamponi in due giorni. Il mio ringraziamento va al Dipartimento di Sanità pubblica nella persona del Direttore Paolo Pandolfi, all’Ausl Bologna nella persona del Direttore Generale Paolo Bordon, alla CTSS Metropolitana nella persona del Presidente Assessore Giuliano Barigazzi e alla Regione Emilia-Romagna con l’Assessore alla Sanità Raffaele Donini. Il nostro sistema sanitario e la stretta collaborazione tra Enti in questo territorio restituiscono una capacità di risposta di cui andare tutti fieri”.

Il servizio d’ordine, essenzialmente mirato al rispetto delle norme antiassembramento, sarà affidato ai volontari della Protezione Civile Calderara. L’accesso sarà libero, così come il tampone non sarà obbligatorio ma costituirà un gesto volontario.