Home Publiredazionali publiredazionali reggio emilia Luca Ferrari brucia i cuori dei lettori con “Parma brucia”

Luca Ferrari brucia i cuori dei lettori con “Parma brucia”

Luca Ferrari brucia i cuori del lettori con “Parma brucia”“Pochi uomini al mondo meritano di essere assassinati, molti meritano di morire”. Un inquietante messaggio che nella testa di Luca Ferrari diventa una dura verità e si consolida tra le pagine del suo Parma brucia, brillante noir/thriller edito da BookTribu. Tra queste pagine il lettore seguirà la vicenda dell’umile giornalista Carlo Malvisi, improvvisamente incaricato di intervistare Ernesto Guerra, imprenditore parmigiano finito dietro le sbarre per tentato omicidio. Secondo l’avvocato di Guerra, costui avrebbe nuove verità e segreti da confessare, e a Malvisi spetta il compito di portarli a galla ma alle condizioni dettate da questo diabolico individuo. Si sussegue così un alternarsi di presente e flashback che rendono più chiara la vita e l’operato di Ernesto Guerra, dal suo percorso di studi a una fortunata vincita alla lotteria fino alla trasformazione in un criminale.

Scorrevole e coinvolgente, con ottimi richiami alla cultura degli anni passati, all’Italia che cambia, che cresce attraverso eventi e innovazioni storiche. L’autore ci regala inoltre un affascinante personaggio grazie ai suoi dialoghi profondi da cui si evince una linea di pensiero tutt’altro che folle. Oggigiorno la realizzazione di un “cattivo” è sempre più difficile, ma per citare una famosa massima di Bud Spencer: “non c’è cattivo più cattivo di un buono quando diventa cattivo”… e in questo senso l’autore è riuscito nell’intento. Per come la vedo, infatti, i cattivi migliori del panorama letterario sono personaggi “sbucati” dal nulla: uomini qualunque, oppressi dal sistema, a cui basta un’occasione o una spinta nella giusta direzione (o quella sbagliata) per fare di loro un autentico agente del caos. E il messaggio che mandano al sistema con le loro azioni fa indubbiamente riflettere noi spettatori.

Come nasce questo libro?

Questo libro nasce dall’idea che anche le azioni di un criminale possono avere una giustificazione, o quantomeno una spiegazione. Starà al lettore scegliere da che parte stare, e come giudicare ciò che avviene nel libro.

Inoltre, questa storia – direi come tutte le storie – nasce con l’intento di offrire una propria visione del mondo.

Tecnicamente, invece, la costruzione del romanzo nasce da un problema: come “far parlare” una persona che si trova in carcere? O scrivevo un romanzo epistolare, oppure cambiavo punto di vista. Da qui l’escamotage del secondo protagonista – il giornalista – e dell’intervista. Inoltre, non tutto doveva essere narrato all’interno dell’intervista. Perciò ho pensato di scrivere una parte del libro in terza persona (e al tempo presente, benché si narrino fatti risalenti nel tempo), e una parte del libro in prima persona (e al tempo passato, benché si parli di fatti recenti).

 

Quale messaggio vuoi trasmettere?

Nessuno è totalmente buono, nessuno è totalmente cattivo.

Persino le nostre giornate più belle, non sono perfette, non sono totalmente belle. E in ognuno di noi ci sono tante sfumature, e forse le parti più interessanti di noi, e di una storia, sono quelle dove emergono i difetti, la parte grigia di una persona, o di una città.

Una miriade di circostanze influenzano la vita di una persona.

Soldi, fortuna, eventi particolari, azioni e pensieri… tutto può imprimere alla nostra vita dei cambiamenti non preventivabili, che poi noi cerchiamo di indirizzare secondo le nostre personali inclinazioni.

Eppure tutti noi sogniamo la stessa cosa: fare qualcosa per cui la gente si ricordi di noi, fare qualcosa per lasciare una traccia del nostro passaggio.

Credo che alcuni temi del libro siano la doppiezza e l’ambiguità delle persone, ma credo che nel romanzo emerga anche una certa idea di solitudine, che ci porta anche ad avere delle ambizioni distruttive, anti-sistema o anti-modernità.

 

Leggi il mio libro perché…

…offre una visione alternativa delle cose.

Questo libro è un noir in senso ampio.

Parla, attraverso le azioni di un idealista, diventato ricco e poi diventato criminale, della voglia di imporsi, di scardinare una certa idea della vita.

Parma è un simbolo, il contesto parla esso stesso. Eppure questo libro potrebbe essere ambientato in altre mille città. Perché l’Italia è tutta un po’ così, provinciale e masochista.

Leggi il mio libro se anche a te piace Fight Club, Il fu Mattia Pascal, oppure Orwell, Stevenson o Sergio Leone.

 

Progetti futuri?

Continuare a inventare storie.

E pubblicare.

Per me sarebbe un successo riuscire a pubblicare un romanzo ogni due/tre anni.

Il libro merita 5 stelle  su 5.