Continua incessantemente l’attività di contrasto e prevenzione dei reati e di ogni forma di criminalità condotta dalla Questura di Reggio Emilia. I controlli sono stati concentrati nelle aree più calde della città, anche in seguito alle segnalazione provenienti dai cittadini e dalle Associazioni di quartiere Santa Croce, di via Secchi e via Fratelli Cervi.

I servizi disposti dal Questore sono rivolti soprattutto verso quei cittadini che si sono presentati in Questura ed hanno riferito situazioni sospette che meritavano un incisivo approfondimento.

Nella giornata di ieri, le zone di interesse sono state le aree limitrofe al centro storico e la Zona Pieve Modolena. Si è trattato di un’attività diretta al contrasto alla spaccio di stupefacenti e alla prostituzione.

In particolare, operatori della Squadra Volanti della Questura di Reggio Emilia hanno proceduto in via Del Chionso al controllo di un’autovettura su cui viaggiavano tre giovani di nazionalità italiana. Uno degli occupanti del veicolo (classe ‘83, di nazionalità italiana) ha consegnato spontaneamente agli operatori della sostanza stupefacente di tipo hashish del peso pari a 5 grammi, sottoposta a sequestro. L’uomo è stato sanzionato per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale.

In via Fr.lli Cervi, invece, operatori del Reparto Prevenzione Crimine “Emilia Romagna Occidentale” – Reggio Emilia hanno identificato e sanzionato tre donne (una nata in Equador classe ‘65; e due nate in Romania, entrambe classe ’83), regolari sul territorio nazionale, per violazione dell’art 5 della Legge Merlin. Le donne dovranno pagare la sanzione amministrativa pari a 30 euro.









Articolo precedenteLa Regione stanzia 1,9 milioni per il lavoro femminile
Articolo successivoAntonella Ballestri è la nuova responsabile del coordinamento Donne Spi/Cgil