Home Cronaca Truffe online nella prenotazione delle vacanze estive

Truffe online nella prenotazione delle vacanze estive



Copyright immagine: Regione Emilia Romagna A.I.U.S.G. – Autore: Banzi Liviana

Con la popolarità della casa vacanza online, aumenta anche il rischio di imbattersi in tentativi di truffa che prendono di mira gli utenti che per la prima volta si cimentano con la prenotazione fai da te della vacanza, com’è accaduto nella giornata del 20 luglio scorso  ad una ragazza la, navigando in rete con l’intenzione di affittare un appartamento per trascorrere una vacanza romantica in occasione delle ferie estive, si imbatteva nel sito “Airbnb”, molto conosciuto per gli affitti di case. Dopo aver ricevuto una email con un’allettante proposta di affitto per un appartamento  a Massa Lombarda (RA), decideva di prenotare pagando la somma stabilita con successive  email di  1500 euro tramite bonifico bancario. In seguito alla trasmissione del bonifico, tutti i contatti con il presunto locatore si interrompevano e così la ragazza decideva di contattare il servizio clienti ufficiale di Airbnb,  riscontrando che le email ricevute non erano autentiche.

 

I consigli della Polizia di Stato per non farsi truffare

  1. Non pagate mai direttamente con bonifico. Se vi viene proposto di inviare una caparra, non fidatevi: è contrario ai termini del servizio di Airbnb. Pagate esclusivamente attraverso il sito, che in nessun caso prevede il bonifico come strumento di pagamento. Airbnb generalmente trattiene l’intera somma dalla vostra carta di credito e la inoltra all’host solamente 24 ore dopo l’avvenuto check-in, dandovi il tempo di entrare in casa e verificare che tutto sia come pubblicizzato.
  2. Non comunicate fuori dal sito. Diffidate da chi vi propone di lasciare Airbnb per accordarvi privatamente con la promessa di uno sconto: è il preludio ad una richiesta di bonifico. Inoltre, non sarete più tutelati dalle garanzie della piattaforma. Restando nella chat dell’applicazione, potrete segnalare in qualsiasi momento al servizio clienti comportamenti sospetti.
  3. Occhio a link condivisi via email o da altri siti. Diffidate da chi vi contatta tramite un sito di annunci dell’usato o un portale immobiliare generico dicendo di affidarsi ad Airbnb. C’è il rischio che vi condividano un link ad un sito fasullo.
  4. Come riconoscere Airbnb dai cloni. Tutte le pagine di Airbnb hanno l’indirizzo che inizia con www.airbnb.it/ .com, e un numero dopo la parola ‘rooms’, come nell’esempio: www.airbnb.it/rooms/30728582. Indirizzi più complicati o con una struttura diversa devono insospettirvi. Se non siete sicuri, potete cercare su un motore di ricerca il nome dell’annuncio (es. “luminoso terrazzo milano”) e “airbnb” come parole chiave; dovrebbero comparire solamente le pagine legittime.
  5. Leggete l’annuncio con attenzione. Un annuncio ben curato è di solito indice di un host e di una casa altrettanto in ordine. Dovrebbero invece mettervi in allarme: un prezzo troppo competitivo per la settimana di ferragosto, descrizioni particolarmente vaghe, la totale mancanza di recensioni o un profilo utente creato da pochi giorni.
  6. Airbnb non è un’agenzia immobiliare. Diffidate di chi vi dice di “aver dato incarico ad Airbnb” di mostrarvi la casa. Il sito infatti è solamente un portale di intermediazione, equidistante da host e guest. Non esiste “personale Airbnb con le chiavi”, come se si trattasse di agenti immobiliari.
  7. Attenzione agli alloggi ‘esca’. Se una volta arrivati a destinazione vi si chiede un cambio di sistemazione, ovviamente non all’altezza di quella prenotata, usando come scusa un problema improvviso sorto nell’appartamento originario che lo ha reso momentaneamente inagibile, la cosa migliore è documentare tutto e contattare subito la piattaforma per avere un rimborso totale.
Articolo precedentePrevisioni meteo Emilia Romagna, mercoledì 28 luglio
Articolo successivoMotogiro di Harley Davidson sabato e domenica nel territorio dell’Unione Appennino Reggiano