Nel pomeriggio di mercoledì 28 luglio, gli agenti della Polizia Ferroviaria di Bologna hanno tratto in arresto e denunciato due cittadini extracomunitari, di cui uno minorenne, in Italia senza fissa dimora, poiché responsabili in concorso dei reati di furto aggravato e indebito utilizzo di carta di credito. I due, prima si sono avvicinati alla vittima per rubarle lo zaino e poi hanno utilizzato la carta bancomat custodita all’interno per effettuare sei acquisti in diversi esercizi commerciali situati nelle zone adiacenti la stazione. L’immediata segnalazione da parte del viaggiatore e la tempestiva visione dei filmati delle videocamere di sorveglianza hanno permesso ai poliziotti di individuare i due stranieri, poi successivamente rintracciati in un negozio ancora in possesso dello zaino rubato. Dopo le formalità di rito, il maggiorenne è stato arrestato e condannato con rito direttissimo a un anno e due mesi di reclusione; mentre l’altro, minorenne, è stato denunciato in stato di libertà e affidato ad una struttura protetta.

A Riccione sempre nella notte di mercoledì, alcuni agenti della Polizia Ferroviaria, al termine del servizio, mentre facevano rientro negli alloggi di Polizia, sono intervenuti dopo la segnalazione di alcuni passanti in merito a un’aggressione avvenuta ai danni di un giovane. Il ragazzo ha riferito che due cittadini stranieri, poco prima, lo avevano avvicinato, immobilizzato e colpito al volto per rapinarlo. Grazie alle descrizioni fornite dal ragazzo e il successivo riconoscimento, i poliziotti hanno rintracciato e denunciato i due stranieri di nazionalità tunisina per tentata rapina e lesioni personali. Dai controlli in banca dati è emerso, nei confronti di uno dei due, un provvedimento di carcerazione per un’altra rapina, quindi è stato tratto in arresto e condotto in carcere.









Articolo precedenteAumenta l’offerta di percorsi ITS, Istituti Tecnici Superiori, in Emilia-Romagna: sono 34 per il biennio 2021-2023
Articolo successivoInfortunio sul lavoro a Pianoro