Home Bassa reggiana Stalkerizza l’ex fidanzata dopo la fine della relazione. Denunciato nella Bassa reggiana

Stalkerizza l’ex fidanzata dopo la fine della relazione. Denunciato nella Bassa reggiana



Sarebbe stata la fine della relazione sentimentale decisa dall’ex fidanzata a trasformarlo in un vero e proprio incubo per la donna, portandolo a macchiarsi di una serie di condotte persecutorie per le quali, al termine delle indagini, i Carabinieri della stazione di Guastalla l’hanno denunciato alla Procura reggiana. La Dr.ssa Maria Rita Pantani, sostituto titolare dell’inchiesta, condividendo con le risultanze investigative dei Carabinieri, ha richiesto e ottenuto dal GIP del Tribunale di Reggio Emilia l’applicazione nei confronti dello stalker della misura cautelare del divieto di avvicinamento all’abitazione, al posto di lavoro e da qualunque altro luogo frequentato dall’ex compagna, prescrivendogli di mantenere comunque una distanza di almeno 150 metri dai luoghi dalla stessa frequentati e vietandogli inoltre di comunicare attraverso qualsiasi mezzo con lei. Il provvedimento di natura cautelare l’altra mattina è stato eseguito dai Carabinieri della stazione di Guastalla che hanno condotto le indagini.

Lei una 37enne lui un 45enne, entrambi abitanti in provincia di Reggio Emilia: sono loro i protagonisti di questa vicenda. Dopo la fine della relazione sentimentale avvenuta per decisione della donna, dallo scorso mese di luglio l’uomo avrebbe tenuto condotte persecutorie nei confronti dell’ex fidanzata, rendendola vittima di appostamenti, telefonate assillanti ed offensive (anche 76 in un giorno), messaggi minacciosi e offese fatte direttamente di persona con urla e frasi ingiuriose. Condotte persecutorie quelle dell’uomo che hanno cagionato alla malcapitata un perdurante e grave stato d’ansia e di paura ingenerando nella stessa timore per la propria incolumità tanto da vederla costretta a mutare le proprie abitudini di vita, limitando anche le uscite. Episodi delittuosi raccolti in una dettagliata denuncia che, riscontrati dai carabinieri della stazione di Guastalla, hanno portato all’odierno provvedimento cautelare richiesto ed ottenuto dalla Procura reggiana.

Articolo precedenteUn progetto di ATER Fondazione nel 700° anniversario della morte di Dante Alighieri
Articolo successivoRocchi “Ottima domenica degli arbitri, Var da oliare”