Home Bologna Istituita la Cabina di Regia metropolitana “FONDI PNRR”, via libera all’atto del...

Istituita la Cabina di Regia metropolitana “FONDI PNRR”, via libera all’atto del sindaco Lepore



La squadra di governo metropolitana si è riunita questo pomeriggio a Palazzo Malvezzi per la prima volta al completo. Erano infatti presenti gli assessori del Comune di Bologna, i delegati del Sindaco, i Consiglieri comunali delegati e i Consiglieri metropolitani uscenti a cui il sindaco Lepore ha confermato proprio oggi le deleghe fino alle elezioni del Consiglio già fissate per il 28 novembre.

Durante la seduta c’è stato il via libera all’atto del sindaco metropolitano Matteo Lepore con il quale viene istituita una Cabina di regia come organo di indirizzo politico che coordinerà l’attuazione degli interventi del PNRR e dei fondi europei.
La Cabina di regia, presieduta dallo stesso Sindaco e collocata presso la Direzione Generale, ha poteri di indirizzo, impulso, monitoraggio e coordinamento generale.

Alla Cabina di regia parteciperanno gli Assessori comunali, una rappresentanza dei sindaci della Città metropolitana, i delegati del Sindaco e i consiglieri delegati competenti a seconda delle tematiche affrontate e delle priorità nonché i Capi di Gabinetto di Comune di Bologna e Città metropolitana. Saranno coinvolti anche l’Università di Bologna, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali, delle associazioni di categoria e del partenariato economico sociale (tra gli altri il Forum Terzo Settore e gli Ordini professionali). L’assessore Anna Lisa Boni, con delega al PNRR e fondi europei, coadiuverà il Sindaco metropolitano nella conduzione della Cabina di regia. Sarà inoltre presente il Segretario Generale di Comune e Città metropolitana.

“I tempi per la realizzazione della progettazione sono molto stringenti – è il commento del sindaco Matteo Lepore – e la tempistica da rispettare diventa fattore strategico. Per questo nasce la Cabina di regia: coordinare i progetti ed accelerare i tempi. L’intera organizzazione comunale e della città metropolitana sarà coinvolta e tutti gli attori del territorio dovranno lavorare in maniera sinergica e coordinata per raggiungere gli obiettivi che abbiamo davanti. Che il primo atto della squadra di governo ‘metropolitana’ riguardi il Pnrr credo sia significativo e indichi anche simbolicamente le sfide di questo mandato”.

Il coordinamento tecnico è affidato al Direttore Generale che avanzerà una nuova proposta organizzativa per supportare la Cabina di regia per potenziare e allargare la capacità di azione di Comune di Bologna e Città metropolitana. La Cabina di regia si doterà di un proprio organigramma e di un metodo di consultazione permanente dei soggetti coinvolti anche attraverso il coinvolgimento della Fondazione Innovazione Urbana.

Le deleghe ai Consiglieri metropolitani uscenti
Il sindaco metropolitano Matteo Lepore sempre oggi ha firmato la proroga per l’assegnazione delle deleghe ai Consiglieri metropolitani uscenti fino alle elezioni del Consiglio già fissate per il 28 novembre.

Questi i consiglieri delegati:

  • Massimo Gnudi: Turismo, Politiche per l’Appennino bolognese
  • Luca Lelli: Politiche per la casa, Affari istituzionali e innovazione, E-government, Rapporti con il Consiglio metropolitano e con la Conferenza metropolitana
  • Marco Monesi: Pianificazione, Mobilità sostenibile, Viabilità
  • Daniele Ruscigno: Scuola, Istruzione, Edilizia scolastica
  • Fausto Tinti: Agenda metropolitana per lo sviluppo sostenibile e pari opportunità, Patto per il lavoro e lo sviluppo sostenibile, coordinamento metropolitano per le politiche per la sicurezza
  • Giampiero Veronesi: Personale, Bilancio, Finanza, Patrimonio, Società partecipate

Il sindaco Matteo Lepore mantiene per sé Piano strategico (PSM), Comunicazione, Cultura, Sviluppo Sociale, Formazione, Contrasto alle discriminazioni e alla violenza di genere, Progetto Stanza Rosa, Polizia locale della Città metropolitana, Progetto insieme per il lavoro, coordinamento fondi del PNRR, Sviluppo economico, politiche del lavoro, Tavoli di salvaguardia del patrimonio produttivo.

Articolo precedentePatto per il Lavoro e per il Clima. Anche il Cnr lo sottoscrive: obiettivo la ripartenza basata su sostenibilità ambientale, economica e sociale
Articolo successivoCastelfranco Emilia, diplomati 27 nuovi volontari per la sicurezza del territorio