Home Bologna Presentato il progetto “I fagioli ribelli”: prevenzione, educazione e nuove strategie alimentari

Presentato il progetto “I fagioli ribelli”: prevenzione, educazione e nuove strategie alimentari



Si è svolta martedì 26 ottobre la presentazione del progetto I FAGIOLI RIBELLI – Prevenzione, educazione e nuove strategie alimentari. Un’idea innovativa di alimentazione in supporto alle terapie. Un progetto pilota per il miglioramento della qualità della vita dei pazienti pediatrici e adulti con malattia renale cronica.

Ad illustrare l’iniziativa sono stati  Giovanni da Schio, presidente Associazione Il Sogno di Stefano Onlus; Bruno Damini, giornalista scrittore, autore del volume “I Fagioli Ribelli”; Andrea Pasini, responsabile Programma di Nefrologia e Dialisi Pediatrica, IRCCS AOU di Bologna; Loris Pironi, direttore Struttura di Nutrizione Clinica e Metabolismo, IRCCS AOU di Bologna; Gaetano La Manna, direttore Struttura di Nefrologia, Dialisi e Trapianto, IRCCS AOU di Bologna. Tra i presenti anche Andrea Valgimigli, ANTR (Associazione Nazionale Trapiantati di Rene); Pier Giuliano Sansoni, ANED Emilia-Romagna (Associazione Nazionale Emodializzati); Roberto Mugavero, editore Minerva; Joan Crous, presidente coop. Eta Beta; e Livio Stellati, Head of Territorial Development Centro Nord UniCredit.

La banca è infatti tra i sostenitori dell’iniziativa che sabato 30 ottobre prevede la realizzazione del “PRANZO COI FAGIOLI RIBELLI”, in programma presso la sede dell’associazione Eta Beta, in via del Battirame a Bologna, con ricette validate dalla Struttura di Nutrizione Clinica e Metabolismo dell’IRCCS Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, elaborate da prestigiosi chef bolognesi.

“Siamo orgogliosi – spiega Andrea Burchi, Regional Manager Centro Nord UniCredit – di poter dare un sostegno concreto ad un progetto che riguarda tante famiglie che ogni giorno si trovano a fronteggiare problemi legati alle restrizioni alimentari imposte dalla malattia ai propri bambini. Il Gruppo UniCredit è da sempre sensibile alle tematiche del sociale e della sostenibilità e quanto possiamo fare oggi ci offre la possibilità di testimoniare ancora una volta questa attenzione.  Il sostegno all’iniziativa I Fagioli Ribelli, in sinergia con eccellenze quali il Policlinico S. Orsola di Bologna e illustri chef bolognesi, conferma la nostra capacità di ascoltare e rispondere anche a queste istanze del territorio”.

Articolo precedenteModena, riconoscimento ad agente, il comandante Riva Cambrino: “attestate le qualità umane”
Articolo successivoPestano l’operatore dell’isola ecologica di Baiso: denunciati dai carabinieri