Home Mostre “Resistenza a Sassuolo e Stalingrado” nel fine settimana riapre la mostra

“Resistenza a Sassuolo e Stalingrado” nel fine settimana riapre la mostra






Riapre al pubblico nel fine settimana, sabato 13 e domenica 14 novembre, la mostra “Resistenza a Sassuolo e Stalingrado” realizzata nei locali di Paggeria Arte & Turismo in piazzale Della Rosa dall’Associazione Culturale Russia Emilia Romagna con i patrocini del Comune di Sassuolo, Volgograd, il Consolato Generale della Federazione Russa in Milano e del Centro di Scienza e Cultura russo di Roma.

Si tratta della mostra tematica del fotografo Andrea Sivilotti. L’autore, che ha vissuto in Russia oltre 15 anni, ha immortalato il popolo di Ekaterinburg e di Mosca durante la Festa della Vittoria. Le significative foto trasmettono e fanno percepire come la ricorrenza non sia una semplice commemorazione ma una festa tra vecchie e nuove generazioni, vissuta non solo come passaggio del testimone della Memoria, ma soprattutto come condivisione della giornata di festa che coinvolge un’intera città.

Contemporaneamente negli stessi spazi di palazzo Ducale è presente l’allestimento tematico creato dal Comune di Volgograd “Stalingrado appello per la Pace”.

Un percorso storico che racconta la più cruenta battaglia della storia con l’obbiettivo di sensibilizzare le nuove generazioni al rispetto e alla pace attraverso la reale conoscenza dei fatti e delle vicende della Seconda Guerra Mondiale.

Inoltre venerdì 19 novembre alle ore 21.00 verrà proiettato presso la Sala Biasin il documentario “Bela Cor”, un film di circa 50 minuti che racconta la storia dei partigiani russi proprio nel territorio di Sassuolo; in questa occasione verrà organizzato un collegamento con lo storico e Accademico delle Scienze russo Professore Mikhail Talalay.

Tutte le iniziative sono gratuite e aperte al pubblico.

 

 









Articolo precedenteIl monumento ai Caduti illuminato di blu a Fiorano in occasione della Giornata Mondiale contro il diabete
Articolo successivoNel 2020 lavoratori pubblici in crescita