Home Economia Ristori Covi: Taxi e auto di noleggio con conducente, liquidate dalla Regione...

Ristori Covi: Taxi e auto di noleggio con conducente, liquidate dalla Regione quasi 2mila richieste per oltre 1,8 milioni di euro



Oltre 800 euro a testa (827,93) per ogni titolare di licenza taxi e auto di noleggio con conducente come contributo regionale per le perdite subite dalle misure attivate contro la pandemia lo scorso anno.

È quanto hanno ricevuto nei loro conti correnti in questi giorni circa 2mila (per la precisione, 1.966)   tassisti e titolari Ncc dalla Regione Emilia-Romagna in risposta al bando aperto nel maggio scorso e finanziato con 2 milioni di euro del bilancio 2021 nel quadro delle risorse messe a disposizione da viale Aldo Moro per le imprese e le attività più colpite dai lockdown del 2020 contro la diffusione del Covid-19.

“L’adesione molto alta al bando regionale significa che la misura è stata apprezzata- afferma l’assessore regionale a Mobilità e Trasporti, Andrea Corsini– e, soprattutto, che abbiamo ottenuto l’obiettivo che ci eravamo posti, ovvero quello di sostenere le attività produttive in un momento estremamente delicato. Questa misura, come le altre che abbiamo promosso nell’ultimo anno e mezzo per oltre 114 milioni di euro, rappresenta il nostro impegno al fianco degli imprenditori e il nostro sostegno in questa fase di ripartenza”.

Il bando regionale, aperto dal 24 marzo al 4 maggio, era indirizzato a una platea di circa 3mila persone. Tra i requisiti previsti per  ottenere il bonus: la titolarità di licenza di taxi e/o di autorizzazione di noleggio con conducente di autoservizi pubblici non di linea – anche ricevuta da conferimento in cooperativa di produzione e lavoro -, il rilascio delle licenze/autorizzazioni da parte dei Comuni della Regione Emilia-Romagna o da soggetti da essi delegati e la validità della licenza/autorizzazione compresa nel periodo 8 marzo 2020 – 31 dicembre 2020 limitatamente ai periodi effettivi di titolarità.

La domanda doveva essere presentata dal titolare della licenza/autorizzazione o, in caso di conferimento a cooperativa di produzione lavoro, dal legale rappresentante dell’impresa a cui la licenza/autorizzazione è stata conferita.

Articolo precedenteMotoGP 2021: i numeri di una stagione eccezionale per Ducati
Articolo successivoPolitecnico di Torino, Saracco “Serve una rivoluzione etico-politica”