Home Fiorano Fiorano: Terratinta Group presenta la Borsa di Studio in memoria di Giorgio...

Fiorano: Terratinta Group presenta la Borsa di Studio in memoria di Giorgio Migliorini



Agire concretamente: questo il mantra che guida il rapporto con la comunità di Terratinta Group. Un’azienda con forte valenza sociale che opera attivamente nel campo del volontariato, del sostegno ai giovani del territorio tramite lo sport ed ora con un nuovo impegno anche nel sostegno allo studio.

Si è svolta ieri, 25 novembre, presso la nuova sede del Gruppo a Fiorano Modenese, la cerimonia di premiazione della Borsa di Studio in memoria di Giorgio Migliorini assegnata a due brillanti studentesse dell’Istituto di Istruzione Superiore Selmi di Modena che si sono diplomate nell’anno scolastico 2020/2021 nel percorso di Studi a Indirizzo Tecnico Diploma di istruzione tecnica in Chimica, Materiali e Biotecnologie Sanitarie.

Durante la consegna delle borse di studio, a cui hanno partecipato il Sindaco del Comune di Fiorano Modenese Francesco Tosi, l’Assessore alle politiche educative e scolastiche Luca Busani, la Professoressa Elisa Prampolini, Dirigente Scolastico dell’Istituto di Istruzione Superiore Selmi di Modena e Luca Migliorini, Amministratore Delegato di Terratinta Group, è emerso quanto territorio e cultura del lavoro siano strettamente connessi.

Realizzata in collaborazione con l’I.I.S. Selmi di Modena, la borsa di studio in memoria di Giorgio Migliorini prevede un contributo da destinare ad un massimo di due studenti o studentesse, affidandosi a criteri di merito e economici, in modo da favorire e incentivare l’approfondimento di temi che Terratinta Group considera decisivi. Le due studentesse vincitrici, diplomatesi a pieni voti e rispondenti ai requisiti economici oggetto di valutazione, hanno scelto di continuare il proprio percorso presso l’Università di Modena e Reggio Emilia avvalendosi del contributo offerto dall’Azienda.

La borsa di studio “Giorgio Migliorini”

La scelta di intitolare il premio a Giorgio Migliorini, padre dell’Amministratore Delegato di Terratinta Group Luca Migliorini e del Direttore Generale Marco Migliorini, non è stata certo casuale. Una vita spesa lavorando con impegno e passione nel comparto ceramico, Giorgio Migliorini non ha mai perso di vista un obiettivo: l’attenzione alle persone, sia in azienda che nella vita di tutti i giorni. Un’eredità che la famiglia Migliorini ha fatto propria trasformandola in una filosofia imprenditoriale di successo dove etica e capitale vanno di pari passo.

Luca Migliorini, AD di Terratinta Group, spiega con queste parole le motivazioni della nascita della Borsa di Studio: “La nostra è una famiglia di umili origini, i genitori di nostro padre erano contadini e noi fratelli abbiamo dovuto imparare fin da piccoli che il successo professionale poteva derivare solo dallo studio e dalla voglia di faticare. Dedichiamo questa Borsa di Studio, che vorremmo diventasse una ricorrenza annuale, a nostro padre, perché la sua inarrivabile fame di conoscenza e l’attenzione verso i più deboli e chi ha meno possibilità non vengano mai dimenticate.

Come tutto quello che facciamo nel campo della sostenibilità inoltre, le nostre vogliono essere piccole e umili azioni che vorremmo fossero emulate anche da altre società, per dare un segnale alla comunità locale che sia di buon esempio verso le giovani generazioni.”

Un’altra azione concreta rivolta al territorio, accolta con favore dal Sindaco di Fiorano Modenese, Francesco Tosi: “Esprimo soddisfazione per questa bella iniziativa, esempio di responsabilità sociale d’impresa sul nostro territorio. In particolare, poi, l’attenzione ai giovani e alla loro formazione è un ambito fondamentale. Sostenerli nello studio è il modo migliore per guardare al futuro e incidere su di esso. Abbiamo tanto bisogno di giovani votati seriamente alla propria formazione culturale e professionale e la comunità ha il compito di aiutarli in questo”.

 

Il corso

Lo storico Istituto Selmi di Modena ha da tempo sviluppato una proposta formativa che pone attenzione al tema della sostenibilità. Per questo dall’anno scolastico 2013/2014 è attiva presso l’Istituto una sezione curriculare del corso di studi in Biotecnologie con approfondimento sul rapporto fra sostenibilità ambientale e comparto industriale per gli studenti delle classi terza, quarta e quinta.

Perché da questo percorso di studi si possano trarre i migliori frutti, l’Istituto si avvale anche della collaborazione di esperti esterni, come ad esempio professori dell’Università di Modena e Reggio Emilia e dell’Università di Bologna. Per completare l’offerta formativa si è instaurata una partnership con Confindustria Ceramica e il Consorzio Universitario Centro Ceramico di Bologna che mette a disposizione degli studenti il contributo di professionisti del settore.

Articolo precedenteCastelnuovo, Antonella Monzoni mette in mostra i luoghi della violenza sulle donne
Articolo successivoOrfeo “I neonati e le famiglie siano al centro del futuro”