Home Carpi All’Eden di Carpi la versione originale sottotitolata del capolavoro “Portiere di notte”...

All’Eden di Carpi la versione originale sottotitolata del capolavoro “Portiere di notte” con le voci di Bogarde e della Rampling





La versione restaurata di “Portiere di notte”, uno dei film più famosi di Liliana Cavani, sarà proiettata posdomani, mercoledì 1° Dicembre, al cinema “Eden” di Carpi (via S. Chiara 22), in occasione della mostra “Portiere di notte – La libertà della perdizione” in corso nel Palazzo dei Pio. Sarà l’occasione per rivedere sul grande schermo l’indimenticabile interpretazione di Charlotte Rampling e Dirk Bogarde, nei panni di una ex-deportata nei lager nazisti e del suo ex-aguzzino: una pellicola che nel 1974 divise pubblico e critica, suscitando aspre polemiche per il tema scabroso raccontato dalla Cavani. Fra gli altri interpreti, Gabriele Ferzetti, Philippe Leroy, Isa Miranda e il ballerino e coreografo Amedeo Amodio.

Il restauro del film fu realizzato nel 2018 da Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale e Istituto Luce-Cinecittà, con la supervisione personale della regista. L’edizione originale con sottotitoli consentirà di apprezzare le vere voci dei protagonisti, in particolare la coppia britannica Rampling-Bogarde.

Nella mostra si possono vedere fino al 6 Gennaio vari documenti originali relativi al film, come la sceneggiatura con le annotazioni di regia, il bozzetto originale di Piero Tosi del costume con bretelle e cappello della Rampling, sessanta foto di scena, materiale video e articoli di giornale dall’archivio personale della Cavani, donato al Comune di Carpi.

L’iniziativa del 1° Dicembre è in collaborazione con il cinema Eden e CSC-Cineteca Nazionale: inizio proiezione ore 21, ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti, obbligatorie la certificazione verde anti-Covid la mascherina per tutto il tempo.

 









Articolo precedenteGiornata mondiale contro l’Aids: Reggio Emilia si mobilita per la prevenzione del virus Hiv e delle malattie sessualmente trasmissibili
Articolo successivoCastelnovo Monti, Bini interviene sui disservizi nel riscaldamento della scuola media di via Sozzi