Il Comune di Reggio Emilia si appresta ad acquisire nuovi alloggi da destinare a Edilizia residenziale pubblica (Erp) per 3,2 milioni di euro. La Giunta comunale ha approvato la delibera che dà il via all’acquisizione, che sarà gestita tramite bando pubblico: il passo successivo, una volta selezionati gli alloggi, sarà il passaggio in Consiglio comunale, vista la competenza di quest’ultimo in materia di acquisti immobiliari, per il via libero definitivo.

Le risorse per i nuovi alloggi fanno parte degli 8,2 milioni di euro erogati tramite il bando ‘Sicuro, verde e sociale. Riqualificazione dell’edilizia residenziale pubblica’, promosso dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito dei finanziamenti complementari del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), che finanzieranno anche gli interventi di riqualificazione energetica, efficientamento energetico e miglioramento sismico di 50 alloggi tra via Teggi a Codemondo e via Doberdò a Ospizio.

I nuovi appartamenti in un primo momento ospiteranno in via temporanea le famiglie che vivono in immobili Erp coinvolti da piani di riqualificazione finanziati con il fondo complementare Pnrr, per poi entrare a far parte definitivamente nel patrimonio comunale ed essere gestiti da Acer.

“Siamo soddisfatti di poter procedere con la ricerca di nuovi alloggi da destinare ad Erp grazie ai fondi di questo importante programma – dichiara l’assessore alla Casa e al Patrimonio Lanfranco de Franco – Da molti anni il Comune non acquistava nuovi alloggi, ma il bisogno è sempre crescente e queste risorse erano auspicate da tempo per andare incontro alle esigenze delle tante famiglie che anche a Reggio Emilia faticano a trovare una casa in affitto. È importante anche che si vada a ricercare alloggi nel patrimonio privato realizzato e non utilizzato, riempiendo i vuoti esistenti ed evitando ulteriore consumo di suolo. Ovviamente presteremo la massima attenzione alla legalità e alla provenienza di questi immobili”.

“Continua così la nostra azione per garantire il diritto alla Casa, confidando che nei prossimi mesi arrivino ulteriori risorse regionali, nazionali ed europee – conclude l’assessore de Franco – Proprio in questi giorni stiamo consegnando i 40 appartamenti dei nuovi condomini in via Compagnoni e a fine febbraio saranno pronti ulteriori 32 alloggi pubblici riqualificati da Acer con le risorse del piano straordinario regionale.”

IL BANDO – Gli alloggi che potranno essere proposti tramite avviso pubblico dovranno avere alcune caratteristiche minime, tra cui una superficie minima di 50 metri quadrati e una classe energetica non inferiore alla classe E, una classe sismica E DM 58/2017. Dovranno inoltre soddisfare i criteri di abbattimento delle barriere architettoniche previste dalla legge 13 del 1991, essere liberi da persone o cose e dotati di certificato di agibilità, essere situati all’interno dei perimetri individuati nel Piano di Comunità del Pug del Comune di Reggio Emilia – La Città dei 15 minuti.

Al fine di consentire maggiore efficienza nella gestione, nel bando sarà accordata preferenza assoluta a fabbricati interi, con un numero minimo di sei alloggi e, solo in via residuale, a fabbricati nei quali gli alloggi offerti rappresentino almeno la maggioranza del totale, fermo restando il numero minimo di sei appartamenti. Saranno valutati in via subordinata anche edifici che ad oggi abbiano altre destinazioni d’uso, il cui proprietario venditore si impegni a trasformare a proprie spese in alloggi.

Sono previste verifiche dei requisiti antimafia sui venditori e l’analisi complessiva sulla provenienza degli edifici.

 

 









Articolo precedenteBonus 110 e cessione del credito, Muzzarelli: “norma da cambiare”
Articolo successivoA Modena avviati i lavori di recupero della chiesetta Ricci