Home Bassa modenese Centri estivi Ucman: pubblicato l’elenco dei gestori e la possibilità per questi...

Centri estivi Ucman: pubblicato l’elenco dei gestori e la possibilità per questi di aderire al progetto regionale di conciliazione vita-lavoro





Pubblicato l’elenco dei gestori dei Centri Estivi operanti nei Comuni dell’UCMAN. I genitori possono già rivolgersi al gestore più consono alla propria necessità per avere tutte le informazioni sul servizio offerto, che copre la fascia d’età dai 3 ai 16 anni, comprendendo chiaramente i ragazzi con disabilità.

«Siamo soddisfatti dell’adesione al servizio Centri Estivi da parte di realtà già conosciute dai nostri ragazzi e dai loro genitori. Come Unione ci facciamo garanti di assicurare tutte le necessità amministrative per favorire l’inserimento e il gradimento dei ragazzi e delle ragazze che abitano i nostri paesi – dichiara l’Assessore alla Scuola dell’Unione Comuni Modenesi Area Nord, Luca Prandini – e per questo salutiamo con soddisfazione la predisposizione da parte della Regione del progetto “Conciliazione vita-lavoro: sostegno alle famiglie per la frequenza di centri estivi”. Con l’adesione a questo progetto i gestori permetteranno ai genitori di chiedere un aiuto economico per la frequenza dei propri figli al centro estivo prescelto. Un segnale di come queste realtà siano importanti per la socialità dei nostri ragazzi e di come la pubblica amministrazione voglia favorire l’adesione a questa opportunità per tutte le famiglie».

I gestori dei Centri Estivi possono rivolgersi entro il 20 maggio al “Servizio accesso ai servizi, integrazione, qualificazione e orientamento” dell’Unione Comuni Modenesi Area Nord. Una volta certificata l’adesione al progetto regionale da parte dei gestori, i genitori potranno chiedere il contributo per la frequenza dei Centri Estivi. L’anno scorso le domande presentate dalle famiglie sono state circa 500. Ma non è solo la Regione ad intervenire per sostenere le famiglie nella frequenza dei Centri Estivi.

«Come Unione Comunale mettiamo a bilancio quasi 100mila Euro per sostenere ulteriormente le famiglie, proprio per sottolineare come la socialità dei Centri Estivi sia un bene prezioso che vogliamo incentivare a utilizzare», conclude l’Assessore Prandini.









Articolo precedenteEpidurale, a Carpi ripartono i corsi formativi in presenza
Articolo successivoSabato a Pavullo una mattinata di Prevenzione dei Tumori del Cavo Orale