A suo carico, l’Ufficio Esecuzione Penali della Procura della Repubblica di Reggio Emilia, aveva appena emesso un ordine di carcerazione perché condannata definitivamente alla pena di 2 anni, 10 mesi e 23 giorni di reclusione. Condanna emessa a conclusione dell’iter processuale che la vedeva imputata del reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina per fatti avvenuti a Bologna tra il 2018 ed il 2020.

Per questo motivo, ieri sera, i Carabinieri della Stazione di San Martino in Rio, a cui l’Autorità Giudiziaria aveva trasmesso il provvedimento per l’esecuzione, hanno avviato le ricerche. Rintracciata poco dopo casa sua, la donna è stata condotta in caserma ove le è stato notificato il provvedimento restrittivo. Al termine delle formalità di rito è stata quindi associata alla Casa Circondariale di Reggio Emilia ove ora dovrà scontare la pena detentiva.









Articolo precedenteTangenziale di Bologna e A14: chiusure notturne programmate
Articolo successivoFondazione per lo Sport Reggio Emilia, nominati presidente e nuovi membri del Consiglio di gestione di competenza del Comune