Home Sanità Ospedale di Vignola, partita la raccolta fondi per ampliare l’OBI

Ospedale di Vignola, partita la raccolta fondi per ampliare l’OBI

La Regione contribuirà con 50mila euro






Un progetto condiviso e sostenuto dalla comunità. È stata un successo la serata-concerto di ieri al Teatro Fabbri di Vignola dedicata all’avvio della raccolta fondi per l’ampliamento dei locali del Pronto Soccorso vignolese destinati all’Osservazione Breve Intensiva (OBI). Oltre agli artisti che si sono esibiti e ai rappresentanti degli enti coinvolti nel progetto, è intervenuto anche l’Assessore alla Sanità della Regione Emilia-Romagna, che ha plaudito a un intervento che dimostra ancora una volta la vicinanza e il forte legame tra le comunità locali, con le associazioni e i singoli cittadini, e il mondo sanitario, legame che, nonostante le difficoltà, si è sicuramente rafforzato anche durante l’emergenza covid.

Lo stesso assessore ha comunicato che la Regione Emilia-Romagna contribuirà all’intervento di ampliamento con 50mila euro, che coprirà oltre la metà degli 80mila previsti per l’investimento complessivo, che sarà finanziato anche dall’incasso della serata, che ha consentito di raccogliere donazioni da parte di privati e della Fondazione di Vignola.

L’appuntamento al Fabbri è stato fortemente voluto dall’Associazione ‘Io sto con voi’ di Vignola insieme a varie istituzioni quali la stessa Fondazione di Vignola, Lions Vignola, Club Rotary Vignola-Castelfranco Emilia-Bazzano, l’amministrazione comunale di Vignola e l’Unione Terre di Castelli.

L’intervento di ampliamento dell’OBI si inserisce nel più ampio piano di implementazione e ristrutturazione del PS vignolese, iniziato con il posizionamento del Pronto Soccorso COVID esterno tramite la donazione della Fondazione di Vignola e delle altre Fondazioni della provincia di Modena durante la pandemia, che ha permesso la completa definizione dei percorsi dedicati a pazienti sospetti COVID, con conseguente potenziamento della qualità dell’assistenza e della sicurezza sia per gli operatori sanitari sia per i pazienti. È in corso, inoltre, l’ampliamento dell’accesso al PS e dell’area dedicata a triage e sala d’attesa che miglioramento ulteriormente la gestione dei pazienti all’interno del Pronto Soccorso.

L’Ausl ha predisposto una pagina dedicata (www.ausl.mo.it/Progetto_OBI_Vignola) dove è possibile trovare tutte le informazioni sul progetto OBI e la raccolta fondi.









Articolo precedenteCovid: oggi 3.578 nuovi casi, oltre 3700 guariti. Calano ancora ricoveri e casi attivi
Articolo successivoPiù tutela sui prodotti Dop e Igp, semplificazione, più forza ai Consorzi e trasparenza sui produttori: le richieste all’Europa di Regione e Consorzi