Home Cronaca Un arresto per spaccio in via Piave. Potenziati i controlli in zona...

Un arresto per spaccio in via Piave. Potenziati i controlli in zona Tempio






La Squadra Volante ha tratto in arresto un cittadino straniero di 40 anni per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Gli agenti sono intervenuti in via Piave a seguito di segnalazione di persona molesta. Sul posto a bordo di un’autovettura in sosta si trovava il 40enne in forte stato di agitazione, che è stato subito sottoposto a controllo di polizia. All’interno del veicolo, nascosto nel cruscotto, gli agenti hanno rinvenuto un blocco a forma di parallelepipedo di colore bianco, risultato essere, a seguito di prova narcotest, sostanza stupefacente del tipo cocaina per un peso di 48,6 grammi, ed un bilancino di precisione. Nel borsello, che portava a tracolla, vi era la somma di 230 euro in contanti, suddivisa in banconote di diverso taglio e tre telefoni cellulari.

La perquisizione, estesa al domicilio con il concorso della Squadra Mobile, ha dato esito positivo: nella camera da letto, a suo uso esclusivo, sono stati trovati un panetto di hashish di 92,70 grammi, sostanza polverosa bianca del tipo bicarbonato, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento della droga, oltre a 890 euro in contanti.

Il 40enne, irregolare sul TN, è stato anche denunciato per inosservanza delle norme sugli stranieri. La sua posizione di soggiorno è stata immediatamente posta al vaglio dell’Ufficio Immigrazione.

Sono in corso accertamenti amministrativi circa i contratti di locazione dell’appartamento, ove l’uomo ha dichiarato il proprio domicilio e che condivide con altra persona.

L’arresto si inserisce in un quadro di potenziamento dei controlli anticrimine in zona Tempio, disposto dal Questore di Modena. Il servizio di ieri, in particolare, ha interessato dalla prima serata e fino a tarda notte, via Piave, Via Crispi, Piazza Dante, via Mazzoni, piazzale Natale Bruni, successivamente anche corso Vittorio Emanuele, viale Monte Kosica, Viale Berengario, fino ad arrivare alla zona del Parco Novi Sad.

L’attività, coordinata dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, che ha visto il concorso della Squadra Volante, di due equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine e di un’unità cinofila della Guardia di Finanza, è stata svolta anche con pattugliamenti appiedati e ha portato all’identificazione di 90 persone.









Articolo precedente“Sassuolo Comics & Sport”, ecco il programma
Articolo successivoIl cordoglio dell’Arcidiocesi di Modena-Nonantola per la scomparsa di don Gregorio Colosio