Home Albinea Un centinaio di partecipanti alla finale del VI concorso di poesia Albinetano

Un centinaio di partecipanti alla finale del VI concorso di poesia Albinetano

Carri vince tra i “ragazzi”, Mainini tra gli adulti e Bartoli nel “dialetto”





La vincitrice della sezione Giovani, Vittoria Carri con la poesia Canzoni

Un centinaio di persone hanno partecipato, sabato 14 maggio, alla cerimonia di premiazione dei vincitori del VI° concorso di poesia a tema libero organizzato dal Circolo Albinetano.

L’iniziativa si è svolta nella meravigliosa cornice del parco dei Frassini, con la sapiente regia dell’ideatore del concorso, Amos Bonacini e il supporto operativo di Avio Bolondi e Mariuccia Ferrari.

Sono stati 123, 66 adulti e 57 giovani, i poeti partecipanti e 123 le poesie arrivate sulla scrivania della giuria composta dalla giornalista Liviana Iotti, dal presidente dell’associazione Stampa Reggiana Giuseppe Adriano Rossi, dall’ex direttrice della biblioteca di Albinea Maria Cristina Bulgarelli, dalla professoressa di lettere Francesca Manini, dal lettore del Centro studi sul dialetto reggiano Franco Ferrari e dalla responsabile del settore Cultura del Comune Federica Franceschini.

Erano tre le categorie in concorso e le opere valutate sono state 47 per la sezione “italiano, 19 per quella in “dialetto” e 57 per la sezione “giovani”.

 

Nella categoria giovani ha vinto Vittoria Carri con “Canzoni”. Secondo posto per Martina Castellari con “Il tempo” e terzo per Beatrice Panciroli con “Attimi”. La giuria inoltre ha menzionato Beatrice Iotti “Insicurezza”, Leonardo Montecchi “Tramonto” e Riccardo Testi “Neve”.

 

Tra gli adulti i vertici della classifica sono tutti al femminile con il primo posto è andato a Cinzia Mainini con Comprendo”. Seconda si è piazzata Brunella Giovannini con “I cuccioli d’uomo”. Sul podio anche Chiara Barigazzi con “Crepuscolo”. Quarta classificata Franca Giaroni con “Madre”. Menzioni per Giordano Ibatici “Ti voglio bene”, Miria Margherita Zanni “La vigna” e Angela Gombia “L’ultimo incontro”.

 

La poesia in dialetto ha visto primeggiare Angela Maura Bartoli con “Fervêr”. Seconda e terza sono arrivate rispettivamente Angela Villa Ruscelloni con “Carillon” e Annalisa Bertolotti con “Pètt e pȃnsa”. Menzioni per Franco Zanichelli “La mascherina”, Savino Rabotti “La quêrsa dnȃns a ca’” e Andrea Sistici “Na mé cansón”.

All’evento, che è stato allietato dall’esibizione degli allievi della scuola di musica Risonanze, erano presenti il presidente del Circolo Giuliano Barozzi, il sindaco di Albinea Nico Giberti, gli assessori Roberta Ibattici (Politiche alla Persona) e Mirella Rossi (Scuola), il presidente della Prolo Loco di Albinea Corrado Ferrari, la presidente della cooperativa “Albinea insieme Casa cervi Luigi” Susanna Cilloni, Giovanni Borghi, presidente di Casa Cervi spa.

Le opere sono state lette da Franco Aldo Ferrari e Monica Incerti Pregreffi.

L’iniziativa godeva del patrocinio del Comune e della Pro Loco di Albinea, della biblioteca, della Provincia di Reggio e dalla Regione Emilia-Romagna. Hanno contribuito alla sua realizzazione Comune, Pro Loco, Studio Pietro Montanari, Impresa Edile  Zuliani, Officine Grasselli, Beatrice Ligabue, Gom Plast, Assicoop/Unipol SAI  e Albinea Insieme Casa Cervi Luigi.

 









Articolo precedenteCentro estivo a Cà Marta per i figli dei dipendenti dell’Ospedale di Sassuolo
Articolo successivo“Ri(e)voluzioni”, i cambiamenti del ‘900 in scena a Modena con la danza