Home Albinea Albinetani e ucraini insieme per il pranzo di comunità

Albinetani e ucraini insieme per il pranzo di comunità





Tanti cittadini di Albinea e circa 40 profughi ucraini ospiti del progetto di accoglienza nato nel comune collinare si sono dati appuntamento nei giorni scorsi al Circolo Bellarosa per incontrarsi e pranzare insieme, un momento conviviale, ma importante per far incontrare due comunità, per dare un volto e un nome a chi ha dovuto lasciare la propria casa e per ascoltarne la storia.

La giornata, alla quale hanno partecipato oltre un centinaio di persone, è iniziata con il ritrovo nella piazza del paese e la passeggiata fino al circolo. Una volta arrivati a destinazione i partecipanti hanno mangiato insieme con un menù che comprendeva piatti nostrani, ma anche tipici dell’Ucraina, preparati da alcune cittadine del paese dell’est che da tempo risiedono o lavorano ad Albinea e dai volontari del Circolo Bellarosa. Il ricavato del pranzo è stato versato sul conto corrente appositamente aperto dal Comune per aiutare i progetti di accoglienza.

Nel pomeriggio poi sono stati organizzati giochi per i più piccoli e spettacoli musicali. Molto emozionanti sono stati il momento delle testimonianze è quello dei piccoli saggi offerti da alcune musiciste accolte dal “Peri di Reggio” e ospiti in una delle cinque case messe a disposizione dalla “Fondazione Giulia Maramotti”.

A promuovere l’iniziativa è stata “Albinea Solidale – Insieme per l’Ucraina”, una rete fortemente voluta da tre realtà: Comune di Albinea, Casa Betania e Fondazione Giulia Maramotti, che hanno deciso di unire le forze in una iniziativa comune di solidarietà e di vicinanza al popolo ucraino in fuga dalla guerra. Ad esse si sono immediatamente affiancate associazioni di volontariato e servizio alla persona del territorio, ma anche società sportive, circoli culturali e ricreativi e singoli cittadini. Tutti loro si sono offerti di collaborare, ciascuno con le proprie specificità, all’accoglienza dei profughi.

In un tavolo di coordinamento si sono raccolte proposte e idee, che hanno dato vita a gruppo di lavoro per promuovere, oltre all’accoglienza e le cure di prima necessità, iniziative, momenti ed esperienze di condivisione.  Anche alcuni privati cittadini hanno messo a disposizione case e appartamenti, oltre a vestiti e oggetti di utilizzo quotidiano. Gli appartamenti offerti ai cittadini ucraini sono 12; in più alcune famiglie hanno dato la disponibilità ad accoglierli in per brevi periodi.

Le famiglie in appartamento sono seguite da due educatrici di Casa Betania, che aiutano negli adempimenti burocratici e a far fronte alle prime necessità. Inoltre ogni nucleo familiare è aiutato da un “angelo custode”, cioè una persona o una famiglia volontaria della comunità che ha stretto amicizia e rapporti con gli ospitati per introdurli nella comunità e non farli sentire soli.

L’accoglienza, il mantenimento e i vari servizi di supporto di queste persone sono a totale carico di Casa Betania, del Comune di Albinea e soprattutto della Fondazione Maramotti, che ha messo a disposizione un’importante cifra per dar vita a questo progetto.

L’amministrazione, oltre a coordinare il progetto e aver messo in rete le associazioni del territorio, è impegnata in prima linea a rispondere ai bisogni di istruzione e integrazione dei minori perché essi possano ritrovare condizioni minime di “normalità” quotidiana”. Oltre a facilitare l’inserimento scolastico l’ufficio Scuola del Comune e il Centro Famiglie dell’Unione Colline Matildiche, con la preziosissima collaborazione dei gruppi Scout di Albinea, hanno dato vita al progetto “Spazi di relazione” che si concretizza con attività ludiche, di laboratorio e animazione tra bimbi ucraini e italiani, che si svolgono ogni mercoledì e venerdì pomeriggio, dalle 15.30 alle 17.30, al Parco dello Sport di Borzano. L’iniziativa è nata nell’ottica di assicurare loro un supporto affettivo, inclusivo e linguistico per consentirgli di avere fiducia negli altri, nelle comunità, nel mondo e ritornare a sperare.

Inoltre numerose sono le cittadine ucraine arrivate che hanno iniziato a frequentare la Scuola di Italiano per Stranieri con sede ad Albinea.

Durante la giornata conviviale di domenica sono state ricordate le modalità che tutti i cittadini, di ogni età e in qualsiasi forma, sia associata che privata, possono fornire per rendere il progetto “Albinea Insieme – Uniti per l’Ucraina”, più ricco e sostenibile, oltre che condiviso.

Per raccogliere le disponibilità di tempo, alloggi, contribuiti economici e le proposte di iniziativa è stato aperto uno sportello presso Casa Betania (aperto dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e il martedì pomeriggio dalle 16 alle 18 – Tel.: 0522.347177); attivato l’indirizzo mail albineasolidale@gmail.com e aperto un conto corrente presso il Comune di Albinea (IBAN: IT61 S 02008 66131 000100362181 – Causale: “Emergenza Ucraina” Insieme per l’Ucraina – Albinea solidale).

Infine chi voglia donare la spesa a una famiglia ucraina può farlo acquistando al Conad di Albinea una tessera prepagata, che verrà utilizzata per l’acquisto di prodotti necessari alle famiglie che hanno trovato accoglienza sul territorio.

 









Articolo precedenteVende pellet online ma è una truffa: denunciato
Articolo successivoA Formigine cento ore di corsi di lingua italiana per i bambini ucraini