Home Bassa modenese Mirandola, riconsegnato al Comune busto di Giovanni Pico completamente restaurato

Mirandola, riconsegnato al Comune busto di Giovanni Pico completamente restaurato





È stato riconsegnato al Comune nei giorni scorsi completamente restaurato, il busto raffigurante Giovanni Pico, rinvenuto nel novembre del 2020, in pessime condizioni nel Palazzo Comunale, in piazza Costituente.  Presenti al momento dello scoprimento della scultura, il Sindaco di Mirandola Alberto Greco, Claudio Sgarbanti, Vice Presidente del Centro Internazionale di Cultura Giovanni Pico ed Enrico Borsari, cittadino mirandolese e restauratore dell’opera.

Un restauro che ha incassato il plauso del Sindaco. “Esprimo i miei migliori elogi per il restauro del Busto di Pico – ha affermato il Sindaco Greco – e mi complimento e congratulo con chi ne ha curato il restauro stesso, Enrico Borsari, in quanto ci ha restituito questa importante scultura ancora più bella di quanto mi aspettassi”.

Il Busto, raffigurante il grande Filosofo mirandolese e databile tra la fine dell’ ‘800 e i primi del ‘900, è stato ritrovato in un angolo della Sala Consiliare del Palazzo Comunale di Piazza Costituente, in occasione dell’apertura del cantiere per avviare i lavori di recupero sull’edificio, fortemente danneggiato dal Sisma del 2012. La scultura, rinvenuta in pessime condizioni, è stata affidata alle cure di Claudio Sgarbanti, Vice Presidente del Centro Internazionale di Cultura Giovanni Pico, il quale, a sua volta, ha messo a disposizione tutto il necessario per restaurarla a Enrico Borsari, cittadino mirandolese ed appassionato di oggetti antichi, che, infine, dopo un attento e scrupoloso restauro durato all’incirca un anno, ha restituito il Busto stesso al suo antico splendore.

La scultura resterà esposta in Sala Giunta finché non ritornerà nella sua sede originaria: il Palazzo Municipale di Piazza Costituente.

 

 









Articolo precedenteIn Tangenziale a Bologna chiusure notturne in entrata della stazione di Bologna Arcoveggio
Articolo successivoIl corso “Nascere insieme a Carpi” parla anche inglese