Venerdì 30 settembre riapre il sipario del De André con uno spettacolo di poesia, musica e suggestioni oniriche dal titolo “Labbracadabra – Parole, suoni, incantesimi”. Si inizia alle 20.45.

Sul palco, fianco a fianco con gli spettatori, un quintetto di performer reggiani provenienti dalla zona ceramiche e dalla nostra montagna per la prima volta appassionatamente insieme, ovvero: Maurizio Casini alla narrazione, Faustino Stigliani alla voce, Ciro A. Piccinini al pianoforte, Daniele Moreschi all’arpa ed Ezio Bonicelli al violino.

Lo show – “tra l’alchemico e il taumaturgico” si legge nel volantino – si articola in tre parti: “Il poieta” (la prima: lettura attoriale di poesie d’amore inedite con sottofondo musicale, quindi presentazione dell’opera scritta “L’ebbrosario” e, a corredo, riflessioni sulla comunicazione umana con l’aggiunta di funamboliche gag linguistiche); “Il suo pianisteo” (la seconda: piano solo per anime in ascolto e, a seguire, jam session ad azione catartica insieme all’arpa e al violino, con ospiti a sorpresa e contributi in diretta telefonica); “La nostra psicoanabasi” (la terza e ultima: seminario di gruppo ad alto tasso filosofico, con installazione artistica vivente ed esperimento finale di bellezza e reincanto, tra copula mundi e amor fati).

In chiusura, essendo Casalgrande rinomata terra di ceramica, in omaggio al Cersaie – che si conclude proprio nello stesso giorno, venerdì – non è escluso che il quintetto possa eseguire in esclusiva il brano “Piastrella blues”, scritto a 10 mani su due piedi. Presente, inoltre, un “biobookshop” di vita e libri a km 0.

Graditi – pare, ma è meglio accertarlo – gli animali domestici e da cortile di piccola taglia, e comunque l’ingresso a teatro è libero anche per gli umani.

L’evento è patrocinato dal Comune di Casalgrande e realizzato in collaborazione con la biblioteca comunale “Sognalibro” e il teatro De André. Info: 0522.1880040 / 334.2555352. Non è necessaria la prenotazione.

 









Articolo precedenteGdF Reggio Emilia: cambio del comandante del gruppo
Articolo successivoIl centro polifunzionale Prosolidar di Massa Finalese è finalmente del Comune