Si è svolta a Roma il 22 novembre alla presenza del Ministro dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste Francesco Lollobrigida la presentazione del XX rapporto ISMEA – Qualivita sulle DOP e IGP italiane.  I dati del 2021 attestano una robusta ripresa della Dop economy, dopo la battuta d’arresto causata dalla pandemia. A livello nazionale il sistema delle DOP IGP ha superato nel 2021 i 19 miliardi di euro di valore alla produzione, segnando una crescita a doppia cifra sul 2020 (+16,1%). Record anche delle esportazioni che con 10,7 miliardi di euro mettono a segno una progressione di quasi il 13%. Oggi il comparto vale il 21% dell’ agroalimentare nazionale.

 

I PRINCIPALI NUMERI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA NEL SETTORE DELLE DOP E IGP

Con 74 prodotti insigniti dal riconoscimento comunitario (44 nel segmento del food e 30 nel vino), quasi 17 mila operatori coinvolti e 3,6 miliardi di Euro di valore alla produzione, l’Emilia Romagna è la seconda Regione per importanza del comparto delle DOP e IGP a livello nazionale. Il comparto pesa il 31% sul fatturato del settore agroalimentare regionale, ben 10 punti percentuali sopra la media italiana.

Tra le filiere produttive, una quota importante è rappresentata dai formaggi che incidono del 45% sul fatturato complessivo della Dop economy regionale; seguono i prodotti a base di carne (28%) il vino (14%) e gli aceti balsamici (11%). Tra i suoi prodotti più rappresentativi troviamo denominazioni note in tutto il mondo come il Parmigiano reggiano DOP, il Prosciutto di Parma DOP, la Mortadella Bologna IGP ma anche gli aceti balsamici: Aceto Balsamico di Modena IGP, l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP e l’Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia DOP

Tra le prime venti province italiane per valore delle produzioni a marchio comunitario, ci sono ben tre città emiliane: Parma (terza in Italia con 1.380 milioni di euro di valore prodotto); Modena (quinta con 822 milioni di euro di valore prodotto) e Reggio Emilia (settima con 721 milioni di euro di valore prodotto). Nella classifica della Regione segue Piacenza con 265 milioni di euro di valore prodotto.

 

 

 









Articolo precedenteMancini “Fa male non essere ai Mondiali, Argentina favorita”
Articolo successivoPrevisioni meteo Emilia Romagna, mercoledì 23 novembre 2022