Il 1° Gennaio entrano in vigore alcune novità in materia di lotta all’inquinamento atmosferico da traffico veicolare: le attuali limitazioni valide nel “quadrilatero” del centro storico, si estenderanno fino ai motori diesel Euro4 durante la settimana, e diesel Euro5 nei giorni d’emergenza, cioè quelli con “bollino rosso”, nei quali scattano i provvedimenti previsti dal Piano Aria Integrato Regionale (Pair).

In particolare, dal lunedì al venerdì se non festivi, nonché la domenica, fra le 8:30 e 18:30, i diesel Euro4 non potranno circolare nell’area cittadina delimitata dalle seguenti strade: tangenziale “Losi”, Provinciale 413, tangenziale 12 Luglio 1944, via Griduzza, via Cavata, via Secchia, cavalcavia Lama di Quartirolo, via Lama di Quartirolo int. e via Cattani. Il divieto di entrare in questa zona varrà anche per i diesel Euro5 nelle giornate nelle quali scattano i provvedimenti anti-smog per lo sforamento dei valori inquinanti registrato dai bollettini dell’ARPAE, qualunque sia il giorno (sabato, domenica o festivo infrasettimanale).

Nessuna variazione, rispetto alla normativa attuale, è invece prevista al momento per i veicoli con motori a scoppio.

Da segnalare infine che il divieto di circolazione domenicale – le cosiddette “domeniche ecologiche” – è sospeso posdomani, 1° Gennaio, per la festività di Capodanno, quest’anno appunto una domenica.

Sempre con l’annuo nuovo comincia a funzionare il servizio regionale denominato “Move-In”, acronimo di “MOnitoraggio dei VEicoli INquinanti”, un sistema di registrazione su base volontaria che consente di percorrere un certo chilometraggio anche con veicoli non a norma: in pratica il progetto, già attivo in Lombardia, attribuisce ai possessori di mezzi inquinanti un numero di chilometri in deroga, monitorato con l’installazione di un registratore tipo “scatola nera”, e utilizzabile nelle aree dove vigono limiti anti-smog.

L’obiettivo, spiega la Regione, « è offrire eque condizioni di mobilità ai cittadini, graduando le limitazioni chilometriche alla circolazione dei veicoli più inquinanti sulla base dell’uso effettivo del veicolo e del reale contributo all’inquinamento atmosferico. »

Informazioni sul “Move-In” a questo indirizzo: https://regioneer.it/move-in









Articolo precedente“San Girolamo hub – un luogo per tutti” – i prossimi step del progetto di rigenerazione urbana della frazione di Guastalla
Articolo successivoLavoro, Modena fa “Gol”: in cinque mesi presi in carico 6 mila disoccupati