La fase più acuta dell’emergenza, provocata dall’ondata straordinaria di maltempo del mese di maggio, è stata superata nella maggior parte dei territori colpiti, dove i servizi del Gruppo Hera stanno progressivamente tornando alla normalità.

Per quanto riguarda i servizi ambientali, nella maggior parte dei comuni alluvionati è terminata la raccolta straordinaria casa per casa dei materiali ingombranti, dei RAEE e dei rifiuti indifferenziati, danneggiati dall’acqua, e in questi giorni saranno gradualmente ripristinati i servizi ordinari. Tra questi, il ritiro gratuito degli ingombranti a domicilio su prenotazione, però senza limiti e di pezzi e di quantità per tutto il mese di giugno, per venire incontro alle esigenze dei cittadini.

Prosegue in tutti i territori colpiti la pulizia delle strade, delle caditoie e delle fognature attraverso l’impiego di autospurghi, idrovore e mezzi di supporto.

È stato, inoltre, predisposto un capillare piano di interventi per ripristinare eventuali contatori danneggiati, in particolare per quanto riguarda la distribuzione gas.

Nei comuni colpiti dai gravi eventi atmosferici (elenco allegato al Decreto-Legge 1° giugno 2023 n.61) sono provvisoriamente sospesi i termini di pagamento relativamente alle fatture emesse e agli avvisi di pagamento con scadenza a partire dal 1° maggio 2023.

Con il rientro alla normalità è ripreso anche in queste zone il servizio di emissione delle bollette, per consentire ai clienti di rimanere aggiornati sull’andamento dei consumi e della spesa. Le bollette riportano la data provvisoria di scadenza 31 agosto 2023, termine che potrà essere eventualmente ulteriormente posticipato in accordo a quanto sarà stabilito dalla normativa di riferimento.

 









Articolo precedenteModifiche di percorso dei bus venerdì mattina 9 giugno per la “RUN 5.30”
Articolo successivoLa MotoGP arriva in Italia: il Ducati Lenovo Team è pronto ad affrontare l’appuntamento di casa al Mugello