Il valore della sostenibilità sta conquistando sempre più il mercato dell’edilizia, sollecitato dalle recenti evoluzioni normative, nazionali ed europee, in materia di transizione ecologica. Nell’ottica dell’economia circolare in edilizia, assumono particolare importanza gli aspetti di sostenibilità come la durabilità, il mantenimento delle prestazioni tecniche nel tempo, la salubrità, il comfort termico e il potenziale di riciclo, recupero e riuso di materie e prodotti. Tutte prerogative consolidate e riconosciute ai prodotti ceramici da costruzione – laterizi, piastrelle e sanitari – che permettono di ottenere profili ambientali ed economici sostenibili nell’intero ciclo di vita.

Al fine di divulgare tali aspetti, all’edizione del SAIE 2023 di Bari in programma dal 19 al 21 ottobre, Confindustria Ceramica promuove la PIAZZA DELL’ECCELLENZA CERAMICA E LATERIZIO (Nuovo Padiglione, Stand E30): un’area espositiva di 70 metri quadri a  fianco degli stand di 3 aziende associate produttrici di laterizi (Fornaci DCB, SIAI e Wienerberger), particolarmente interessate al mercato del sud Italia. L’allestimento dell’Associazione prevede anche un corner per esperienze dimostrative della posa di piastrelle di grandi dimensioni a cura dei Maestri Piastrellisti di Assoposa.

Alla sostenibilità dei prodotti da costruzione è dedicato anche un incontro di formazione per architetti, ingegneri, geometri e periti in programma per venerdì 20 ottobre mattina (sala 1, centro congressi), |con interventi di E. Bassolini – GBC Italia, C. Gargari – UNI “Sostenibilità in Edilizia”, A. Di Fusco – Confindustria Ceramica, D. Mantovanelli – Wienerberger, S. Feriozzi – DCB Laterizi, M. Galli -Federbeton, S. Trortelli – Atecap, A. Ronchetti – Assobeton|. L’evento rientra nell’ambito di un ciclo di 6 seminari promosso da Confindustria Ceramica, insieme a Federbeton, e organizzato da Maggioli e The Plan sul territorio nazionale.

Altra iniziativa, patrocinata da Confindustria Ceramica e che si svolgerà il 21 ottobre, ultimo giorno  della fiera, è la gara finale dell’Ediltrophy, la competizione di arte muraria organizzata da Formedil che, anche per le altre gare di selezione tenutesi sul territorio nazionale, ha visto l’utilizzo laterizi messi a disposizione da alcune aziende associate (Cotto Cusimano, FBM, Fornace Ballatore, Fornace di Fosdondo, IBL, S.Anselmo e Terreal).









Articolo precedenteGruppo Di Martino, i dipendenti dedicano ore di lavoro al volontariato
Articolo successivoChiusure programmate su A1, A14, A13 e Tangenziale di Bologna