Il territorio intorno alla storica e importante frazione di Minozzo, ha ospitato nei giorni scorsi il Coordinamento provinciale delle organizzazioni di volontariato. Un appuntamento di fondamentale importanza per compiere esercitazioni ed essere aggiornati sulle più recenti modalità di intervento in situazioni critiche. La giornata finale ad esempio ha proposto i corsi di ricerca persone disperse, utilizzo della cartografia e delle telecomunicazioni.

Sono stati impegnati 130 volontari di 32 Associazioni provenienti da tutta la provincia sotto l’egida del Presidente Provinciale del Coordinamento Alessandro Sandrolini. Organizzatore dell’evento è stato il Commissario della polizia locale dell’Unione Appennino Corrado Bernardi, affiancato da diversi referenti per i vari scenari proposti, che hanno visto anche l’impiego delle unità cinofile. Ad accogliere i volontari impegnati nelle attività è stato il Sindaco di Villa Minozzo, Presidente dell’Unione Appennino e consigliere delegato alla montagna per la Provincia di Reggio Elio Ivo Sassi: “Questo coordinamento è stato davvero un evento imponente e di grande rilievo – afferma -. Poter contare su volontari allineati sulle modalità operative, costantemente formati e in grado di utilizzare al meglio tutte le dotazioni tecnologiche, così come le unità cinofile, è una garanzia di sicurezza per il territorio e per chi lo fruisce, e fortunatamente in montagna assistiamo ad una crescita di afflussi turistici ormai su tutte le quattro stagioni. Questo comporta altresì l’aumento di situazioni in cui sono richieste azioni di ricerca e soccorso, essere in grado di operare ad alto livello, come ho visto fare in queste giornate di esercitazioni è davvero molto importante”.









Articolo precedenteTrattamento robotico del tronco, uno studio MRI pone le basi per un protocollo che migliorerà la qualità di vita ai pazienti
Articolo successivoIctus, sono 1200 le persone colpite ogni anno soltanto nel territorio provinciale modenese