Un incontro tra Regione e i rappresentanti del Comitato “Proteggiamo Conselice”, il cui appello è stato sottoscritto da circa 40 aziende. Un confronto sull’andamento della ricostruzione e sui problemi e le esigenze di chi vive, lavora e investe a Conselice, comune duramente colpito dall’alluvione.

Ieri a Bologna, in serata in viale Aldo Moro, la vicepresidente della Regione con delega alla Protezione civile e Ambiente, Irene Priolo, ha ricevuto una delegazione delle aziende insieme alla sindaca di Conselice, Paola Pula, alla presenza di operatori e tecnici dell’Autorità Distrettuale di Bacino del Fiume Po, del servizio regionale di Difesa del suolo e deli uffici territoriali di Bologna e Ravenna dell’Agenzia regionale per la sicurezza del territorio e la protezione civile.

Tra gli argomenti trattati durante il confronto, le opere strutturali urgenti e gli interventi straordinari e ordinari programmati; gli interventi infrastrutturali di più lungo corso previsti per il contenimento dei rischi da allagamento e la sicurezza idraulica; le azioni da mettere in campo con la collaborazione delle aziende locali.

“Ringrazio per lo spirito costruttivo di questo incontro- ha detto Priolo- è importante per le Istituzioni avere un rapporto diretto con il tessuto produttivo che è stato purtroppo duramente colpito dal maltempo di maggio. Ed è altrettanto importante far comprendere che non ci sono risposte semplici a problemi complessi: occorre mettere in campo più strategie contemporaneamente, sia per quanto riguarda gli interventi urgenti che per i progetti speciali previsti dal Commissario straordinario, anche ragionando su ipotesi innovative che consentano di dare maggiore spazio ai fiumi. Dobbiamo continuare a lavorare insieme e a confrontarci attivamente”.

“Stiamo pensando al futuro e alla salvaguardia dei cittadini e dei centri urbani- ha detto la sindaca Pula-. Abbiamo commissionato uno studio altimetrico del nostro territorio, per capire gli interventi necessari alla messa in sicurezza ed Hera sta studiando il nostro sistema fognario. Abbiamo bisogno di un approccio coordinato, che dia garanzie alle imprese e che le faccia sentire sicure restando a Conselice”.

Durante l’incontro sono stati illustrati anche gli interventi che l’Agenzia regionale di Protezione civile sta portando avanti in questo territorio tra le provincie di Bologna e Ravenna, in totale di 94 interventi per circa 98 milioni di euro tra somme urgenze, interventi urgenti e altri cantieri della programmazione regionale o di altre risorse straordinarie di protezione civile, anticipati e già avviati.









Articolo precedente46enne albanese accompagna il figlio in Italia con la scusa di una vita migliore poi lo abbandona
Articolo successivoDal virus influenzale al meningococco, ecco come rispondono gli italiani ai vaccini